Partire con il cane: meglio assicurarlo

Cresce il mercato delle assicurazioni per gli animali domestici. Secondo gli ultimi dati del Rapporto Eurispes, nel 2017 si registra, rispetto all’anno precedente, un calo del 10% nel numero di famiglie con almeno un animale domestico ma ben il 33% della popolazione ne ha uno. E’ a questa fetta di italiani che si rivolgono i servizi delle compagnie assicurative che offrono una polizza cane o gatto ad hoc, come nel caso di UnipolSai.

Gli italiani che amano gli animali

I dati raccolti e diffusi a inizio anno da Eurispes evidenziano che ben il 33 per cento degli italiani ha scelto di condividere la propria casa e la propria vita con un animale domestico. il dato riflette una flessione, anche sensibile, rispetto ai dati di inizio 2016: -10 per cento. L’animale preferito dagli italiani resta il cane, è scelto dal 66 per cento della popolazione, seguito dal gatto, ospitato nelle case del 40,8 per cento della fetta di italiani che vivono con un animale domestico. Il 34,4 per cento delle persone che hanno scelto di vivere con un animale lo hanno acquistato in un negozio, solo il 22,1 per cento lo ha preso in un canile o gattile, il 30,4 per cento lo ha salvato dalla strada, adottando un animale abbandonato, e il 31,3 per cento lo ha ricevuto in regalo. Cresce del 6,4 per cento la spesa mensile per la cura del proprio animale ma quasi l’80 per cento degli italiani ammette di non spendere più di 50 euro al mese. La crisi economica ha pesato anche sulle cure che gli italiani sono sempre estati disposti a offrire ai propri amici a quattro zampe. Il 17,3 per cento degli italiani, infatti, ha detto di aver rinunciato a interventi delicati e cure costose a causa delle ristrettezze economiche, il 15,4 per cento ha dovuto ridurre la spesa per i medicinali. Il 39 per cento ha optato per l’acquisto di cibo meno costoso e il 25 per cento ha rinunciato alle visite veterinarie. Una fetta molto ampia, il 45 per cento, a causa del fattore economico ha rinunciato a prendere un secondo animale.

Gli amici a quattro zampe in vacanza

Con l’avvicinarsi del Natale e delle vacanze molti italiani si preparano per trascorrere fuori casa le festività, anche in compagni dei loro amici a quattro zampe. Sono sempre più numerose le strutture che ospitano animali di piccola taglia e in estate ben 5 milioni di famiglie sono partite con Fido e il loro gatto. A questo pubblico sempre più ampio si rivolgono i nuovi servii di molte compagnie assicurative. Esiste, infatti, un vero e proprio mercato della responsabilità civile per animali, dal valore potenziale che supera i 532 milioni di euro.

Tutti i servizi per gli amici a quattro zampe

Le assicurazioni offrono tipologie di servizi molto diverse che vedono protagonisti cani e gatti. La prima, come evidenziato in una recente rilevazione effettuata da Facile.it, è quella che assicura i nostri amici da eventuali danni successivi a un sinistro automobilistico. La RC auto, infatti, non copre né il guidatore né eventuali animali presenti in auto al momento dell’incidente. Al costo medio di 15 euro è possibile coprire questo gap. I massimali sono pari a 250 euro in caso di ferimento e 600 per eventuale morte dell’animale. Grazie al pacchetto “assistenza in viaggio”, invece, è possibile andare in vacanza con l proprio animale molto serenamente. Al costo di circa 110 euro si può contare sull’assistenza di una centrale operativa pronta a trovare per noi strutture pet friendly e offrire tutta l’assistenza necessaria. Con una spesa di 25 euro al mese, invece, l’assistenza è costante e copre tutti i danni che il cane o il gatto possono subire nel corso della vacanza. In questo caso, con spese entro i 120 euro, saranno rimborsate tutte le spese sostenute per le cure. I servizi offerti dalle compagnie assicurative sono molto simili e offrono coperture importanti. Informarsi per tempo è fondamentale per scoprire i servizi su misura per le proprie emergenze. L’assicurazione contro lo smarrimento prevede un costo annuo di 100 euro.

Cosa visitare a Springfield

springfield

Springfield è una città degli Stati Uniti che si trova nello Stato dell’Illinois; capoluogo della contea di Sangamon, la metropoli viene definita la città di Abraham Lincoln che qui iniziò la sua carriera politica per divenire in seguito il primo Presidente americano.

La cosa più interessante da vedere a Springfield è la Lincoln Home; i biglietti per accedervi vengono venduti presso il Lincoln Home Visitors Center: il celebre politico vi dimorò nel periodo compreso tra il 1844 e il 1861. Successivamente Lincoln, divenuto presidente, si trasferì presso la White House insieme alla compagna Mary. Il Lincoln Presidential Library and Museum conserva tutti i documenti inerenti ad Abraham Lincoln, mentre il corpo del primo presidente americano è conservato presso la Lincoln’s Tomb nel Oak Ridge Cemetery. Poco distante sorgono il Lincoln Herndon Law Office e l’Old State Capitol: entrambi gli edifici possono essere visitati accompagnati da guide che ripercorrono le principali tappe della vita politica del presidente. I luoghi di Springfield che non hanno nulla a che vedere con Lincoln sono La Dama Thomas House, un bianco edificio dipinto, capolavoro di Frank Lloyd Wright, in stile Prairie; il Shea’s Gas Station Museum che conserva i cartelli segnaletici e le pompe di benzina della Route 66, la mitica strada che consente di visitare gli USA seguendo l’itinerario coast to coast. Di particolare interesse, ma dal tono decisamente macabro, è il Museum of Funeral Customs. Springfield è sempre stata una città in cui la politica ha assunto un ruolo di rilievo, basti pensare al fatto che il nome di origine di questo luogo era Calhoun, in onore del senatore della South Carolina John C. Calhoun.

Il clima della zona è umido continentale, con estati calde e piovose ed inverni molto rigidi e nevosi; nell’Illinois non è molto alto il rischio tornado, mentre le nevicate, che possono trasformarsi in vere e proprie tormente, si riscontrano soprattutto nel periodo invernale che va da dicembre a marzo. L’aeroporto di Springfield è l’Abraham Lincoln Capital Airport che collega la città a tutte le principali metropoli della costa orientale. Le principali autostrade sono invece la I-55 e la I-72.

Cosa visitare a Houston la capitale del Texas

houston texas skyline

Houston è una città americana in enorme crescita e, proprio per questo motivo, essa si colloca all’ottavo posto delle metropoli degli Stati Uniti. Capitale del Texas, questa città è multiculturale: basti pensare al fatto che qui hanno sede le ambasciate di ben ottantasei Paesi. Anche i principali musei della città delineano questa peculiarità, in quanto conservano opere di artisti provenienti da tutto il mondo.

johnson space center houston texas
Johnson Space Center

Il Museum of Fine Arts, che raccoglie reperti che provengono da tutto il globo, è solo il primo dei tanti musei che si possono visitare a Houston: lo Houston Museum of Natural Science, l’Holocaust Museum Houston ed il Contemporary Arts Museum Houston offrono a loro volta interessanti luoghi di cultura degni di essere visitati. La metropoli ospita ogni anno festival e manifestazioni famose in tutto il mondo; le principali sono il Bayou City Art Festival, che si ritiene sia il più importante festival d’arte del Paese, lo Housto Livestock Show and Rodeo, un evento che si protrae per più di un mese, tra febbraio e marzo, e che ospita il rodeo più importante del pianeta. Di notevole eco è anche lo Houston Pride Parade che, come il nostrano Gay Pride, è una manifestazione per l’orgoglio omosessuale, mentre lo Houston Greek Festival celebra la musica greca, a sottolineare la multiculturalità citata in precedenza; infine l’Art Car Parade consiste in una sfilata di tutte le automobili più originali e strambe al mondo.

Le infrastrutture sono un fiore all’occhiello di questa città, caratterizzate da una forte modernizzazione e dall’alta efficienza. Innanzitutto i due aeroporti, il George Bush International Airport, che rappresenta il diciassettesimo scalo per passeggeri al mondo, ed il William P. Hobby Airport che invece opera su voli a medio e corto raggio. Gli autobus, la metropolitana ed i tram vengono invece gestiti dal Metropolitan Transit Authority of Harris County, l’azienda del Paese che mantiene i trasporti in massima efficienza. Le autostrade della città sono tre: la I-10, la I-45 e la I-610. Il clima in questa zona è subtropicale, con un elevato tasso di umidità e temporali invernali che spesso di tramutano in uragani.

Portland: la perla dell’Oregon

Portland

Nella Willamette Valley, la regione più popolata dell’Oregon, si trova Portland, una città che conta più di due milioni e duecento abitanti. Nella città scorre anche in Willamette River che, dopo aver diviso Portland in due, si congiunge al Columbia River, il fiume che funge da confine tra l’Oregon e lo Stato di Washington.

Una delle piazze più belle di questa suggestiva metropoli è Pioneer Courthouse Square, nota anche come “il salotto di Portland”: è qui che spesso vengono organizzati gli eventi modani ed i concerti, in quanto il luogo è un punto di incontro per persone di tutte le età. Di particolare interesse è anche il Portland Building, la cui costruzione risale al 1980, che rappresenta uno dei più imponenti esempi dell’architettura moderna. Suggestivo ed indubbiamente degno di una visita è il quartiere di Chinatown dove sorge il Portland Classical Chinese Garden: interamente costruito in stile Suzhou, esso rappresenta il più grande giardino cinese costruito fuori dallo Stato della Cina; uno strabiliante alternarsi di decorazioni, ponti e giardini rende questo luogo incantato; nel giardino, all’interno della Tower of Cosmetic Reflections, si può ammirare inoltre una bellissima sala da tè. Ritenuto il mercato più grande di tutti gli USA, il Portland Saturday Market, con la sua molteplicità di bancarelle allestite da artisti ed artigiani, è una tappa obbligata per i turisti che decidono di visitare questa città: qui è possibile acquistare di tutto, e trovare vere e proprie opere d’arte.

Portland faro
Photo credit: Kay Gaensler / Foter / CC BY-NC-SA

Interessante è anche il Washington Park , all’interno del quale si trova l’International Test Rose Garden, che contiene più di 500 specie di rose. I principali musei di Portland sono l’Oregon Museum of Science and industry, che consente di effettuare un percorso interattivo tra scienza e tecnologia, ed il Portland Art Museum, che conserva tutte le opere degli artisti di questa città. A Portland si trova inoltre la più grande libreria del mondo, la Powell’s City of Books che merita di certo una capatina. Il clima è mite, con inverni abbastanza piovosi ed estati calde che tuttavia non superano i ventotto gradi. Una città davvero molto interessante, da visitare indubbiamente in un viaggio negli Stati Uniti.

Chicago: la più grande città dell’Illinois

Chicagho

Chicago è una città statunitense dove le attrazioni principali del luogo si trovano tutte nelle immediate vicinanze del centro storico, anche se in realtà anche i quartieri più distanti hanno un innegabile fascino. Il Loop, che letteralmente significa “Laccio”, è la zona centrale di Chicago; essa è circoscritta dalla metropolitana sopraelevata chiamata Elevated.

Magnificent Mile
Veduta della Magnificent Mile di notte – Photo credit: Werner Kunz / Foter / CC BY-NC-SA

Qui si possono ammirare il Manhattan Building, la Sear Tower che regala ai turisti un panorama spettacolare, ed il First National Bank Building. Sempre al Loop si trovano l’Illinois Centre, dove hanno sede gli uffici del Governo, e la Daley Plaza, che conserva una delle più importanti opere di Pablo Picasso. La South Michingnan Avenue è senza dubbio una delle zone più belle della città; si può visitare il Grant Park che, per le sue estese dimensioni, viene considerato il polmone verde di Chicago. Degni di nota sono di certo la Buckingam Fountain, che sorge sul lago Michingan, l’Art Institut e l’acquario Shedd. Nel North Side c’è la via commerciale più famosa della città: il Magnificent Mile; qui ci si può dedicare allo shopping, ma, al contempo, si possono vedere edifici meravigliosi come l’Hancock Center, la Tribune Tower e la Water Tower. Non molto distante dalla zona settentrionale di Chicago si trova l’Old Town, la città vecchia, dove si trovano tantissimi negozietti e locali caratteristici per poter passare una serata in tranquillità.

La Gold Coast è il quartiere più esclusivo ed elegante della città, abitato da personalità importanti. Al Lincoln Park si giunge invece prendendo la North Lake Shore Drive: il parco è meta di sportivi che amano mantenersi in forma facendo jogging o lunghe passeggiate; un punto di incontro e di relax molto frequentato. Nella parte meridionale della città sorge Hyde Park, un altro parco verde di Chicago dove si trovano l’Università, il Museo della Scienza e dell’Industria, l’Hyde Park Art Center e l’Istituto Orientale. Da segnalare inoltre che Chicago dista solo un’ora da Milwaukee, un’ importante città del Wisconsin che vale la pena di visitare se si soggiorna nelle vicinanze.

Nashville: la città della musica

Nashville skyline

Nashville è una città del Tennessee che sorge sulle rive del fiume Cucumberland, non molto distante dal confine con lo Stato del Kentuchy. Nel 1779 la città venne invasa dagli europei che la ribattezzarono Fort Nashborough, per onorare Francis Nash. Il downtown di Nashville è molto interessante, ed è zeppo di locali notturni, bar e ristoranti: Printers Alley è una delle vie più famose della città proprio per gli svaghi che offre per la vita notturna. A Riverfront Park si può ammirare Fort Nashborough, una fedele ricostruzione dell’avamposto della città risalente agli anni trenta.

Nashville Symphony Center
Il Nashville Symphony Center – Photo credit: Foter / CC BY-NC-ND

Nashville ha una lunga cultura musicale, lo testimonia l’esistenza del Country Music Hall of Fame and Museum che conserva tutti i cimeli dei più grandi artisti country, come la Cadillac di Elvis Presley o la chitarra di Johnny Cash. Il Ryman Auditorium, un edificio con la cupola in mattoni risalente al 1890, è il luogo dove i più grandi artisti della musica si sono esibiti. Il West End è la zona di Nashville dove hanno sede le case discografiche e dove si trovano gli agenti delle stars. Qui si possono visitare Elliston Place, l’Elliston Place Soda Shop, ed il Centennial Park, dove si trova una riproduzione del Partenone costruita per celebrare la Centennial Exposition del Tennessee del 1897. Anche la Music Valley offre diverse attrazioni per i turisti: innanzitutto, la Grand Ole Opry House, una struttura che può ospitare 4400 spettatori per gli spettacoli che ci sono il martedì ed il sabato. La Gibson Bluegrass Showcase è invece una fabbrica dove vengono prodotti strumenti musicali come chitarre, banjo e mandolini; il Music City Wax Museum è una rassegna di statue in cera che raffigurano i celebri artisti della musica country.

Ogni anno a Nashville si tiene il CMA Music Festival, una manifestazione musicale che attira sempre moltissime persone, mentre a settembre si svolge il Tennessee State Fair, una lunga festa di nove giorni che vede protagoniste le corse di maiali, i lanci di torte, e le esibizioni con i muli. Il clima in questa zona è subtropicale umido, caratterizzato da inverni miti ed estati calde.

Visitare Atlanta: guida alla capitale della Georgia

Atlanta di notte

Atlanta è la capitale della Georgia e fu costruita nel 1837; l’antico nome della città era Terminus, in quanto rappresentava l’ultima fermata della ferrovia Western and Atlantic Railroad. Questa metropoli è in continua crescita ed un impulso notevole le è derivato dalle Olimpiadi che si sono svolte proprio ad Atlanta nel 1996. Se si pensa che questa è la città della celeberrima Rossella O’Hara, protagonista di “Via col vento”, ci si immagina, probabilmente, un luogo dove il tempo non è trascorso, mentre invece, il panorama che si offre al turista è quello di imponenti grattacieli, tra cui il Weastin Peachtree Plaza che, con i suoi settanta piani, è l’albergo più alto al mondo.

Atklanta skyline
Photo credit: Kay Gaensler / Foter / CC BY-NC-SA

Ad Atlanta ha sede il World of Coca Cola Pavillon, il luogo simbolo della bibita amata da grandi e piccini. Anche gli studi della CNN hanno sede in questa città e, per consentire ai visitatori di ammirare gli studios, viene organizzato un CNN Studio Tour alla scoperta di tutto quanto c’è da sapere su questo colosso del network. All’Oakland Cemetery è conservata la tomba di Margaret Mitchell, l’autrice di “Via col vento”, anche se non si individua facilmente, in quanto la lapide riporta il nome del marito sposato in seconde nozze, John Marsh. Ad Atlanta è possibile anche visitare la casa natale di Martin Luther King le cui spoglie sono tuttavia conservate a Memphis.

Se si vuole ammirare il quartiere più esclusivo della città occorre dirigersi a nord, dove si trova il Buckhead: qui sorgono imponenti ville costruite nello stile antico. Sempre in questa zona si trova l’Atlanta History Society dove sorgono edifici di grande importanza storica come la Swan House, splendida villa patrizia, la Tullie Smith House, fattoria risalente al 1840, e la Governor’s Mansion, in rigoroso stile neoclassico. Degno di nota è anche l’High Museum of Art che conserva opere del movimento moderno. A Grant Park invece si trova Cyclorama, un dipinto eseguito da pittori polacchi e tedeschi nel lontano 1885 che ritrae la battaglia di Atlanta; la particolarità è che l’opera si può vedere su una piattaforma che ruota, mentre di sottofondo ci sono suoni di trombe e di fucili.