Partire con il cane: meglio assicurarlo

Cresce il mercato delle assicurazioni per gli animali domestici. Secondo gli ultimi dati del Rapporto Eurispes, nel 2017 si registra, rispetto all’anno precedente, un calo del 10% nel numero di famiglie con almeno un animale domestico ma ben il 33% della popolazione ne ha uno. E’ a questa fetta di italiani che si rivolgono i servizi delle compagnie assicurative che offrono una polizza cane o gatto ad hoc, come nel caso di UnipolSai.

Gli italiani che amano gli animali

I dati raccolti e diffusi a inizio anno da Eurispes evidenziano che ben il 33 per cento degli italiani ha scelto di condividere la propria casa e la propria vita con un animale domestico. il dato riflette una flessione, anche sensibile, rispetto ai dati di inizio 2016: -10 per cento. L’animale preferito dagli italiani resta il cane, è scelto dal 66 per cento della popolazione, seguito dal gatto, ospitato nelle case del 40,8 per cento della fetta di italiani che vivono con un animale domestico. Il 34,4 per cento delle persone che hanno scelto di vivere con un animale lo hanno acquistato in un negozio, solo il 22,1 per cento lo ha preso in un canile o gattile, il 30,4 per cento lo ha salvato dalla strada, adottando un animale abbandonato, e il 31,3 per cento lo ha ricevuto in regalo. Cresce del 6,4 per cento la spesa mensile per la cura del proprio animale ma quasi l’80 per cento degli italiani ammette di non spendere più di 50 euro al mese. La crisi economica ha pesato anche sulle cure che gli italiani sono sempre estati disposti a offrire ai propri amici a quattro zampe. Il 17,3 per cento degli italiani, infatti, ha detto di aver rinunciato a interventi delicati e cure costose a causa delle ristrettezze economiche, il 15,4 per cento ha dovuto ridurre la spesa per i medicinali. Il 39 per cento ha optato per l’acquisto di cibo meno costoso e il 25 per cento ha rinunciato alle visite veterinarie. Una fetta molto ampia, il 45 per cento, a causa del fattore economico ha rinunciato a prendere un secondo animale.

Gli amici a quattro zampe in vacanza

Con l’avvicinarsi del Natale e delle vacanze molti italiani si preparano per trascorrere fuori casa le festività, anche in compagni dei loro amici a quattro zampe. Sono sempre più numerose le strutture che ospitano animali di piccola taglia e in estate ben 5 milioni di famiglie sono partite con Fido e il loro gatto. A questo pubblico sempre più ampio si rivolgono i nuovi servii di molte compagnie assicurative. Esiste, infatti, un vero e proprio mercato della responsabilità civile per animali, dal valore potenziale che supera i 532 milioni di euro.

Tutti i servizi per gli amici a quattro zampe

Le assicurazioni offrono tipologie di servizi molto diverse che vedono protagonisti cani e gatti. La prima, come evidenziato in una recente rilevazione effettuata da Facile.it, è quella che assicura i nostri amici da eventuali danni successivi a un sinistro automobilistico. La RC auto, infatti, non copre né il guidatore né eventuali animali presenti in auto al momento dell’incidente. Al costo medio di 15 euro è possibile coprire questo gap. I massimali sono pari a 250 euro in caso di ferimento e 600 per eventuale morte dell’animale. Grazie al pacchetto “assistenza in viaggio”, invece, è possibile andare in vacanza con l proprio animale molto serenamente. Al costo di circa 110 euro si può contare sull’assistenza di una centrale operativa pronta a trovare per noi strutture pet friendly e offrire tutta l’assistenza necessaria. Con una spesa di 25 euro al mese, invece, l’assistenza è costante e copre tutti i danni che il cane o il gatto possono subire nel corso della vacanza. In questo caso, con spese entro i 120 euro, saranno rimborsate tutte le spese sostenute per le cure. I servizi offerti dalle compagnie assicurative sono molto simili e offrono coperture importanti. Informarsi per tempo è fondamentale per scoprire i servizi su misura per le proprie emergenze. L’assicurazione contro lo smarrimento prevede un costo annuo di 100 euro.

Maribor: cosa vedere a Maribor

Seconda città della Slovenia per importanza, Maribor è anche capoluogo della Bassa Stiria, oltre a caratterizzarsi come una città ricca di spunti e di attrattive per qualsiasi tipo di turista.
Anticamente, in virtù della sua collocazione sulle sponde del fiume Drava, la città di Maribor si era guadagnata una certa importanza dal punto di vista commerciale, cosa che le permise di ottenere, già nel 1254, l’appellativo di “città”.
Dalle sue origini commerciali, Maribor si è nei secoli trasformata in una città universitaria, in centro culturale e sportivo, oltre che in importante destinazione turistica della Slovenia nord-orientale.
Conosciuta anche come “città sotto il verde massiccio del Pohrje”, Maribor si caratterizza infatti per la sua bella collocazione, proprio sulle rive della Drava, e per il suo aspetto ordinato, fatto del lussureggiante verde delle colline circostanti e dei magnifici vigneti che su di queste vengono coltivati.
Da segnalare come lo sviluppo di Maribor non si è fermato alle originarie mura medioevali e alle successive estensioni del periodo industriale, ma continua ancora oggi sotto forme più moderne e cosmopolite. Proprio questa costante propensione all’ampliamento ha permesso alla città di Maribor di dotarsi di importante strutture, turistiche e non, che hanno permesso alla cittadina di conoscere una nuova vita, quella della vocazione turistica.

Maribor: cosa visitareMaribor European capital of culture 2012

Come detto la città di Maribor ha conosciuto una serie di sviluppi successivi che hanno permesso di creare diversi “aspetti” della città.
Tra i luoghi della parte “antica” da non perdere sono:
• Castello cittadino di Maribor
• Palazzo Betnava
• Castello nella Marca
• Centro storico: qui è possibile ammirare molti palazzi di epoca medioevale e altri due importanti castelli cittadini e altri luoghi importanti come:
 Rotovz, ovvero il municipio
 l’Università di Maribor
 Palazzo Nasek
 Opera e Teatro di prosa
 Palazzo postale della Mestna
 Hranilinica, Cassa Civica di Risparmio
 Pokrajinski Muzej, Museo Regionale

Ci sono poi alcune particolarità che riguardano la città di Maribor e che la rendono ancora più caratteristica. La prima grande “storia” legata alla città di Maribor è quella del vino, o meglio della “guerra del vino” iniziata ben 300 anni fa tra Maribor e Ptuj a causa dei privilegi asburgici per il commercio del vino nelle regioni dell’Austria superiore.
Oggi la zona vinicola di Maribor vanta dei grandissimi vini qualità, oltre alla vita più antica del mondo che continua a crescere da più di 400 anni e che ha permesso a Maribor di entrare nel Guinness dei primati. La cultura del vino è ancora oggi molto sentita nella città e non è quindi un caso che ancora oggi continuano ad essere organizzate una serie di manifestazioni etnologiche dedicate al vino e molto amate dai turisti, come la festa della potatura della vecchia vite, il battesimo degli zatterieri, la solenne vendemmia della vecchia vita e il celebre Festival Lent.
Maribor è inoltre città di cultura; non a caso è nata proprio qui la prima rassegna dei teatri sloveni, il Natiuonal Festival Borstnikovo Screènje, che ancora oggi ricopre un posto di primo piano nella cultura slovena. Tra i festival impossibile non citare il Festival Internazionale e multiculturale di Lent, il Settembre musicale e la celebre manifestazione enologica denominata “Nell’abbraccio della vite antica”.

Maribor: Capitale europea della cultura 2012

Sono state proprio tutte queste caratteristiche che hanno permesso alla città di Maribor di guadagnarsi la nomina, insieme a Guimaraes in Portogallo, di Capitale europea della cultura 2012.
Proprio per questa occasione, Maribor ha studiato e messo in campo, in collaborazione con le città partner di Ptuj, Slovenj Gradec, Murska Sobota, Valenje e Novo Meso, un ricchissimo programma di eventi.
Ogni mese la cittadina ospiterà una personalità di rilievo internazionale e tra i nomi già annunciati vale la pena ricordare quello di Charles Simic, Boris Groys, Jan Fabre, Rebecca Horn e Gayy Kasparov, mentre numerosi saranno gli eventi teatrali, musicali e d’arte che si terranno non solo a Maribor ma anche nelle città circostanti. Oltre al teatro, alla danza, all’arte e alla musica sono previste anche visite ai luoghi più belli della città, sia storici che naturalistici. Tra le visite “cult” segnaliamo quella al Castello di Maribor, vero e proprio gioiello dell’arte medioevale, e quella al Palazzo Betnava, visitato anche da Papa Giovanni Paolo II.
Nel vasto programma, vi segnaliamo alcuni eventi chiave:
Il Carnevale di Ptuj in Kurentovanje, con le sue maschere demoniache pre-cristiane
Il Festival La Quaresima, punto d’incontro tra Oriente e Occidente, considerato come il più grande evento all’aperto nel sud-est Europa, si svolge nell’ultima settimana di giugno (dura sedici giorni e sedici notti) e quest’anno ampliato con nuovi concetti artistici ed eventi culturali provenienti da Africa, Australia, Americhe e Asia.
Festival di Maribor, dal 22 agosto al 15 settembre (direttore artistico Richard Tognetti) che, per l’occasione, accompagnerà venti principali eventi con progetti multimediali e concerti di musica popolare autentica, musica classica orientale e jazz.
Rock Otočec (nel primo weekend di luglio 2012) e Jazzinty sono invece due importanti festival musicali che attirano grandi nomi della scena musicale a Novo mesto e dintorni.

Per maggiori info e per i biglietti è possibile consultare il sito www.maribor2012.eu mentre per saperne di più su questa interessante città segnaliamo http://maribor-pohorje.si e www.slovenia.info.

 

Slovenia: la bellezza delle terme di Portorose

Slovenia: rilassarsi alle terme di Portorose

Se siete alla ricerca di una meta di benessere e relax, allora la destinazione che fa davvero per voi è Portorose, in Slovenia. Situata ad appena 40 chilometri da Trieste, Portorose è una destinazione ottimale per chi ama il relax ed è alla ricerca di un soggiorno di riposo e soprattutto di rigenerazione fisica e mentale. Portorose è infatti una destinazione ideale vista la presenza di una magnifica struttura termale che ha più di 800 anni, dove grazie all’impiego di acqua salata, fango e sale estratto direttamente dalle saline di Pirano, vengono proposti servizi disparati come massaggi, tecniche ayurvediche e piscine d’acqua termominerale, molto indicate per la cura dei reumatismi, delle infiammazioni e delle infezioni.
Presso le terme di Portorose l’attenzione ai clienti è scrupolosa; ogni soggiorno ha inizio con una diagnosi del polso, una visita medica totalmente gratuita nel corso della quale è possibile scoprire il dosha dominante, ovvero la propria energia vitale.
In seguito alla visita viene proposto uno specifico percorso benessere che può prevedere massaggi linfatici con oli ed impacchi caldi di erbe e riso(Pinda Swedana), massaggi thailandesi (Wai Thai), trattamenti termali e talassoterapici a base di fanghi e terapie con l’acqua madre delle saline di Strugnano e Sicciole. Queste saline venivano giù utilizzate in tempi antichissimi, precisamente dai monaci benedettini del convento di San Lorenzo per curare malattie reumatiche e cutanee( per maggiori info è possibile visitare il Museo delle Saline Soline Pridelava soli, Seča 115, tel.0038.6.56721330 http://www.portoroz.si/it/).

Slovenia: cosa vedere a Portorosewelleness portorose, terme di portorose

Dopo esservi rilassati alle terme di Portorose, potete spostarvi nella vicina Pirano, un paese che ha mantenuto il suo aspetto originario, pieno di mura e torri dell’epoca della Serenissima. Da vedere qui il Duomo di San Giorgio, che è una vera e propria copia in miniatura del più celebre Duomo di San Marco a Venezia, dal cui campanile è possibile godere di una magnifica vista su Trieste. Nella vicina Piazza Tarantini si trova la casa natale del compositore Giuseppe Tarantini e La Veneziana, una delle abitazioni più antiche della città, sulla quale campeggia l’iscrizione “Lassa pur dir”, ovvero “Lasciali parlare”; in base alla leggenda questo messaggio fu rivolto da un commerciante ai pirenesi che sparlavano della sua amante.
A Pirano non manca certamente il wellness, visto che con un solo euro al giorno è possibile affittare una bicicletta e percorrere le strade cittadine oppure il famoso sentiero di Pirano, godendo del magnifico paesaggio fatto di oliveti e vigneti.

Slovenia: alla scoperta di Nova Gorica

 

Slovenia: la magia della Nova Gorica

La Slovenia, più precisamente la Nova Gorica, potrebbe essere la giusta destinazione per chi è alla ricerca di una meta per un fine settimana romantico, possibilmente senza neanche allontanarsi troppo dall’Italia.
Si perché la Nova Gorica sembra riassumere in se due caratteristiche indispensabili per un viaggio soddisfacente: il divertimento e il relax senza chiaramente dimenticare i paesaggi incantevoli e suggestivi. Non è quindi un caso se quest’angolo della Slovenia sia molto frequentato soprattutto dai turisti italiani in ogni periodo dell’anno.
Ma cosa c’è da vedere in Slovenia, o meglio a Nova Gorica?

Slovenia: cosa vedere a Nova Gorica

La Nova Gorica, o nuova Gorizia, si situa lungo la valle del fiume Isonzo; la sua fondazione risale al 1947 in contrapposizione alla città friulana che al termine del secondo conflitto mondiale rimase inclusa nel territorio italiano. Da allora le due città sono rimaste separate e solo in seguito all’unificazione europea le due città hanno cominciato a riavvicinarsi, intrattenendo un proficuo scambio sia economico che culturale. Nova Gorica, nonostante la recente formazione, possiede delle belle testimonianze artistiche, sebbene la maggior parte dei turisti decide di visitarla per le sue bellezze naturali e per i numerosi divertimenti offerti; non a caso Nova Gorica è stata ribattezzata la Las Vegas della Slovenia.
Arrivare a Nova Gorica è molto semplice soprattutto da quando sono state eliminate le frontiere tra l’Italia e la Slovenia in seguito all’entrata in vigore degli Accordi di Schenghen. Per i viaggiatori che vi giungono dal nord Italia basta seguire l’autostrada A4 che collega Milano con Venezia e Trieste e poco prima di Monfalcone girare verso nord-est lungo il raccordo Villesse-Gorizia che conduce fino al vecchio confine, in prossimità di Nova Gorica.
Il periodo migliore per visitarla è Nova Gorica varia a seconda dei motivi che vi spingono ad intraprendere questo viaggio in Slovenia. Se cercate le piste allora l’inverno è il periodo migliore visto che le piste delle Alpi Giulie sono tutte funzionanti e piene di neve. Se invece volete fare rafting aspettate la primavera, mentre se il vostro obiettivo sono i casì allora ogni periodo va bene.
Per l’alloggio si consiglia l’hotel Hit Perla (http://www.hit.si/index.php?id=hitcasinos_i&L=152) , molto celebre per il suo casinò aperto 24 ore su 24 e dotato di ben 237 camere 19 suites, discoteca, un centro Beauty & Fitness con piscina.

Voli low cost: le offerte di Blu-Express e di Govolo

Voli low cost con Blu-Express

I mesi di novembre e dicembre sono pieni di ponti interessanti e di giorni di fest ache ci danno quindi la possibilità di partire e di concederci qualche giorno di riposo all’estero.
Se questa è la vostra intenzione, magari per il ponte dell’Immacolata o per lo stesso Capodanno, oggi vi proponiamo due offerte davvero interessanti.
Iniziamo subito con la proposta di voli low cost di Blu-Express (http://www.blu-express.com/it/index.html), che ha lanciato la promozione “Vola per 2 paga per 1” su tutte le tratte a corto raggio. In pratica grazie a questa promozione potrete acquistare due biglietti ed avere immediatamente uno sconto del 50%!
Per aggiudicarsi questa imperdibile offerta di Blu-Express c’è tempo sino al 23 ottobre e chiaramente, come per qualsiasi promo, è soggetta a condizioni e termini. Infatti lo sconto del 50% si applica automaticamente solo nel caso di transizioni realizzate per un totale di due persone, precisando però che anche beneficiando dell’offerta il secondo passeggero è comunque sottoposto agli oneri legati alle tasse aeroportuali e al supplemento carburante.
La promozione 2×1 vi permette di viaggiare dal 4 novembre 2011 al 24 marzo 2012, escludendo il periodo natalizio e precisamente i giorni dal 7 al 12 dicembre e dal 20 dicembre al 10 gennaio 2012.
A tutti gli interessati ricordiamo che i voli Blu-Express sono operativi dagli aeroporti di Roma-Fiumicino, Bari, Brindisi, Cagliari, Catania, Genova, Lamezia Terme, Milano-Linate, Milano-Malpensa, Palermo, Reggio Calabria, Torino e Verona.

Voli low cost: la promo di Govolo per la Spagna

Madrid-Plaza Mayor

Per chi non vuole aspettare le vacanze natalizie e già per il Ponte dell’Immacolata vuole concedersi un fine-settimana all’estero, allora non c’è destinazione migliore della Spagna.
Govolo (http://www.govolo.it) propone delle offerte davvero allettanti per volare in Spagna a prezzi più che interessanti.
Così dall’8 all’11 dicembre potrete partire alla volta di Madrid da Milano a 112 euro e da Bologna a partire da 113 euro. Molto convenienti anche i pacchetti con partenza da Milano da 173 euro e da Roma da 210 euro, che vi permetteranno di volare in Spagna e di alloggiare presso un hotel 4 stelle.
Se la capitale spagnola non vi attira in alternativa c’è Barcellona, proposta da Govolo a partire da 137 euro con partenza da Torino e da 179 euro con partenza da Napoli. Se siete interessati ai pacchetti, interessante è l’offerta volo+hotel 4 stelle da Bologna a partire da 231 euro e quello con partenza da Palermo a 279 euro. Anche le tariffe di Govolo sono soggette a disponibilità limitata quindi affrettatevi a prenotare il vostro viaggio.

Insomma per partire Govolo e Blu-Express vi danno davvero tante occasioni!

Voli low cost: da Napoli a Amsterdam

Voli low cost: le migliori offerte per viaggiare da Napoli a Amsterdam

Avete in mente di trascorrere qualche giorno ad Amsterdam? Non potete allora non cogliere le offerte di voli low cost diretti per Amsterdam con partenza da Napoli. Un’occasione imperdibile per i tanti turisti che quotidianamente partono da Napoli con destinazione Amsterdam, una città che non perde mai il suo fascino. Si perché ad Amsterdam, non a caso detta anche la “Venezia del Nord”, tante sono le cose da fare: da una visita al Van Gogh Museum, ad un giro per Piazza Dam, senza dimenticare di visitare la casa di Anna Frank o di fare un giro per il caratteristico quartiere a luci rosse.
In ogni modo, per sapere cosa fare nella capitale olandese vi rimandiamo al nostro articolo “Cosa vedere ad Amsterdam”, ora passiamo alle offerte voli low cost!

Voli economici da Napoli a Amsterdam

Voli low cost-Foto tratta da www.topnews

Siete ansiosi di conoscere le migliori offerte di voli low cost diretti da Napoli ad Amsterdam?
Bene dal capoluogo partenopeo sono tante le compagnie aeree che offrono un servizio di questo tipo e che in appena un ora e venti di viaggio vi permettono di raggiungere Amsterdam.

Ecco una lista delle migliori offerte voli low cost Napoli-Amsterdam

• Transavia: Sul sito di Transavia (http://www.transavia.com/hv/it-IT/home) sono disponibili una serie di voli da Napoli ad Amsterdam a soli 100 euro A/R, ricordandovi però che è necessario prenotare con largo anticipo per aggiudicarsi i pressi migliori
• Edreams per Amsterdam: Interessanti offerte sono anche disponibili sul sito di Edreams (http://www.edreams.it/), dove vi suggeriamo di tenere sott’occhio le offerte last minute e i pacchetti all inclusive
• Opodo per Amsterdam: Sul sito di Opodo (http://www.opodo.it/opodo/HomeServlet?locale=it_IT) i voli di A/R per Amsterdam possono arrivare a costare al massimo 150 euro, sebbene le offerte migliori si scovino tenendo sotto controllo le promozioni, oppure prenotando in anticipo o scegliendo di partire nel finesettimana
• KLM per Amsterdam: Per chi non ama i voli low cost, disponibili sono anche voli di linea da Napoli ad Amsterdam con KLM(http://www.klm.com/travel/it_it/index.htm), dove il rapporto tra qualità e prezzo è ottimo. Un volo diretto Napoli-Amsterdam di A/R con tasse incluse arriva a costare 257 euro e per essere un servizio di linea è davvero poco!

Quindi cosa aspettate? Catturate la vostra offerta per Amsterdam!