Partire con il cane: meglio assicurarlo

Cresce il mercato delle assicurazioni per gli animali domestici. Secondo gli ultimi dati del Rapporto Eurispes, nel 2017 si registra, rispetto all’anno precedente, un calo del 10% nel numero di famiglie con almeno un animale domestico ma ben il 33% della popolazione ne ha uno. E’ a questa fetta di italiani che si rivolgono i servizi delle compagnie assicurative che offrono una polizza cane o gatto ad hoc, come nel caso di UnipolSai.

Gli italiani che amano gli animali

I dati raccolti e diffusi a inizio anno da Eurispes evidenziano che ben il 33 per cento degli italiani ha scelto di condividere la propria casa e la propria vita con un animale domestico. il dato riflette una flessione, anche sensibile, rispetto ai dati di inizio 2016: -10 per cento. L’animale preferito dagli italiani resta il cane, è scelto dal 66 per cento della popolazione, seguito dal gatto, ospitato nelle case del 40,8 per cento della fetta di italiani che vivono con un animale domestico. Il 34,4 per cento delle persone che hanno scelto di vivere con un animale lo hanno acquistato in un negozio, solo il 22,1 per cento lo ha preso in un canile o gattile, il 30,4 per cento lo ha salvato dalla strada, adottando un animale abbandonato, e il 31,3 per cento lo ha ricevuto in regalo. Cresce del 6,4 per cento la spesa mensile per la cura del proprio animale ma quasi l’80 per cento degli italiani ammette di non spendere più di 50 euro al mese. La crisi economica ha pesato anche sulle cure che gli italiani sono sempre estati disposti a offrire ai propri amici a quattro zampe. Il 17,3 per cento degli italiani, infatti, ha detto di aver rinunciato a interventi delicati e cure costose a causa delle ristrettezze economiche, il 15,4 per cento ha dovuto ridurre la spesa per i medicinali. Il 39 per cento ha optato per l’acquisto di cibo meno costoso e il 25 per cento ha rinunciato alle visite veterinarie. Una fetta molto ampia, il 45 per cento, a causa del fattore economico ha rinunciato a prendere un secondo animale.

Gli amici a quattro zampe in vacanza

Con l’avvicinarsi del Natale e delle vacanze molti italiani si preparano per trascorrere fuori casa le festività, anche in compagni dei loro amici a quattro zampe. Sono sempre più numerose le strutture che ospitano animali di piccola taglia e in estate ben 5 milioni di famiglie sono partite con Fido e il loro gatto. A questo pubblico sempre più ampio si rivolgono i nuovi servii di molte compagnie assicurative. Esiste, infatti, un vero e proprio mercato della responsabilità civile per animali, dal valore potenziale che supera i 532 milioni di euro.

Tutti i servizi per gli amici a quattro zampe

Le assicurazioni offrono tipologie di servizi molto diverse che vedono protagonisti cani e gatti. La prima, come evidenziato in una recente rilevazione effettuata da Facile.it, è quella che assicura i nostri amici da eventuali danni successivi a un sinistro automobilistico. La RC auto, infatti, non copre né il guidatore né eventuali animali presenti in auto al momento dell’incidente. Al costo medio di 15 euro è possibile coprire questo gap. I massimali sono pari a 250 euro in caso di ferimento e 600 per eventuale morte dell’animale. Grazie al pacchetto “assistenza in viaggio”, invece, è possibile andare in vacanza con l proprio animale molto serenamente. Al costo di circa 110 euro si può contare sull’assistenza di una centrale operativa pronta a trovare per noi strutture pet friendly e offrire tutta l’assistenza necessaria. Con una spesa di 25 euro al mese, invece, l’assistenza è costante e copre tutti i danni che il cane o il gatto possono subire nel corso della vacanza. In questo caso, con spese entro i 120 euro, saranno rimborsate tutte le spese sostenute per le cure. I servizi offerti dalle compagnie assicurative sono molto simili e offrono coperture importanti. Informarsi per tempo è fondamentale per scoprire i servizi su misura per le proprie emergenze. L’assicurazione contro lo smarrimento prevede un costo annuo di 100 euro.

Yemen: tra vacanze e cucina

Yemen: le tradizioni e la cultura

Lo Yemen, situato nella parte meridionale della Penisola Araba, è l’unico regime repubblicano di quest’aree ed ufficialmente prende il nome di Repubblica Unita dello Yemen.
Si tratta di un paese molto particolare, costantemente in bilico tra la modernità e la tradizione, tra il passato e il presente.
Il paese della regina di Saba, infatti, è riuscito a conservare intatte le sue usanze e le sue tradizioni le cui origini sono piuttosto antiche, a volte irrintracciabili.
Dal punto di vista artistico e paesaggistico lo Yemen è un paese tutto da visitare che, ad ogni regione, è capace di offrire esempi straordinari della sua antica tradizione. Da questo punto di vista particolarmente affascinante è l’architettura yemenita, i cui stili sono molto vari e possono così essere riassunti:
• Architettura di terra, particolarmente sviluppata nelle regioni di Amran e Saada
• Architettura di pietra, molto utilizzata nelle zone montuose e a Djibla
• Architettura di pagli, usata nella parte africana della Tihama
• Architettura di argilla, sassi e paglia molto cara alla zona di Hadramaunt
• Architettura di mattone, diffusa a Zebid
• Architettura di pietra e mattoni, tipica di Sana’a

Se gli stili sono vari, altrettanto ricchi sono i particolari e gli elementi decorativi così come le aperture, ovvero porte e finestre, assolutamente eccezionali. Le case ed i monumenti di questo paese sono talmente particolari ed unici che l’UNESCO li ha dichiarati patrimonio mondiale.
Per quanto concerne le città, da vedere sono:
• Sana’a, la capitale
• Marib, con i suoi magnifici templi e la diga
• Bir Ali, per la sua spiaggia
• Taez, Ibb e Jibla
• Tihama e il Mar Rosso
• Bay El Faquid con il suo originalissimo mercato

Proprio per quanto riguarda i mercati vi consigliamo di non perdere

GIORNI MERCATI DOVE
Sabato Souq at -Taleh *** Al nord di Saada
Sabato Souq Amran ** Amran
Domenica Souq Ouadi Dhabab *** Vicino Taez
Lunedì Souq at- Taouilah ** Strada per Ouadi Sourdoud
Venerdì Souq de Bay al-Faqih ***** Strada per Hodeida-Taez

Yemen: i piatti migliori della tradizione gastronomica

Il Salta, piatto tipico dello Yemen

La cucina yemenita si caratterizza per essere molto saporita ma allo stesso tempo per niente elaborata; si tratta quindi per la maggior parte di piatti semplici a base soprattutto di riso, fagioli, pesce, carne di capra e frutta.
Una delle usanze gastronomiche dello Yemen è quella di servire una colazione molto abbondante a base di uova, formaggio fresco, kefir, ovvero un particolare tipo di latte dal sapore lievemente acidulo. In aggiunta ci sono anche laban, lo yogurt leggero e il tahini, una pasta di semi di sesamo con sciroppo di datteri.
Importantissimo nell’alimentazione yemenita è anche il pane, quasi mai lievitato, dalla caratteristica forma piatta e tonda. Il pane viene usato di solito per accompagnare il cibo alla bocca, a mò di cucchiaio, e questo perché le posate non sono utilizzate, tranne nelle zone più turistiche.
Per quanto concerne il pranzo la pietanza preferita è il riso con semi di cardamomo o uvetta e zafferano e come base per le pietanze di carne, come il pollo, l’agnello o in manzo stufato, in alternativa va bene pure il pesce.
Il piatto tipico delle Yemen è invece il salta, ovvero uno stufato di agnello o pollo piccante accompagnato con lenticchie, fagioli, ceci e spezie su un letto di riso. Molto apprezzato è anche lo shurba, una zuppa a base di lenticchie, agnello e fineno greco. Molto diffuso anche il kebab, nella ricetta tipica di arne di agnello o manzo arrostita e condita con spezie. Il pesce si consuma con l’hamour che è una sorta di cernia, il sultan Ibrahim il pesce Re e il tonno, preparati soprattutto fritti o alla griglia con foglie di cavolo e succo di lime o limone.

Halloween: le ricette per un menù speciale

Halloween: preparare una cena “da paura”

La festa di Halloween si sta per avvicinare, quindi, se avete già pensato alla maschera e dove festeggiare, è arrivato il tempo di pensare alla cena! Si perché se si tratta di un giorno particolare, allora anche il menù deve essere all’altezza delle aspettative!
Vediamo quindi come preparare un Halloween menù da leccarsi i baffi!

Halloween: un menù speciale

Halloweeen-I wurstel mummia

Se prima di uscire, avete invitato qualche amico a cena, bhè non potete davvero sfigurare servendo un menù tradizionale! Ma come allestire una cena di Halloween in gran stile senza deludere nessuno?
Non preoccupatevi esistono tante ricette che si possono preparare in maniera veloce e estremamente semplice!
Partiamo con il nostro menù:
• Antipasto: Come antipasto vi potete davvero sbizzarrire, sia cucinando delle ricette del tutto nuove sia reinventando piatti tradizionali in veste Halloween. Cosa ne dite di wurstel avvolti in pasta sfoglia così da creare delle piccole mummie? O del semplice pane nero con aggiunta di gorgonzola e mascarpone con i quali preparare delle piccole lapidi? O ancora, se volete mantenervi su qualcosa di più tradizionale, cosa ne dite di optare per polpettine alla Halloween o su deliziosi tramezzini che potete poi decorare in maniera terrificante
• Primi Piatti: Varia anche la scelta per i primi piatti. Potete infatti decidere di servire una deliziosa lasagna, rigorosamente alla zucca, spaghetti alla strangolata, ma solo per chi ama il piccante, deliziosi e delicati fusilli alla crema di zucca, una raffinata zuppa alla zucca oppure un corposo piatto di rigatoni alla crema di zucca, zafferano e pancetta
• Secondi piatti: Per i secondi piatti potete reinventare alcune delle più tradizionali ricette italiane, come ad esempio la mozzarella in carrozza che potete tranquillamente trasformare in mozzarella in bara, oppure potete cucinare delle saporite crocchette alla zucca ed emmenthal o una sfiziosa quanto deliziosa torta salata con patate e zucca. Se invece la carne non può mai mancare sulla vostra tavola, cosa ne dite di simpatici spiedini di pollo, zucca e verza, di un bel piatto di braciole di maiale guarnite con burro, pancetta, rosmarino e zucca o di deliziose costolette di zucca e tartufi
• Dolci: Per i dolci avrete solo l’imbarazzo della scelta, visto che Halloween offre molte ricette davvero gustose. Tra i must di questa festa ci sono certamente le ossa dei morti, tra i dolci più tipici di Halloween, ma anche delle tartine di zucca ripiene di crema, biscotti di Halloween di tutti i tipi e sapori, la tradizionalissima torta Jack-o-Lantern e le immancabili mele caramellate

Halloween a Londra: cosa fare

Halloween a Londra: trick o treat?

Se per la festa di Halloween vi trovate a Londra, allora dovete sapere che la capital inglese vi offre tantissime opportunità per festeggiare alla grande la notte delle streghe.
Una caratteristica, questa, che non è proprio solo di Londra ma che accomuna tutte le città inglesi, le quali nella notte di Halloween si trasformano in una grande festa sia per i grandi che per i più piccoli.
Ma torniamo a Londra per vedere quali sono gli appuntamenti più “paurosi” ai quali dovrete assolutamente prendere parte!
La prima tappa è certamente London Eye, la celebre ruota panoramica sul Tamigi che per l’occasione si rifà il look; dal 24 ottobre sino al 1° novembre, infatti, la ruota panoramica di Londra si trasforma in una grotta, circondata da una foresta spettrale e da una vera e propria palude. In questa atmosfera vi capiterà certamente di incontrare streghe, mostri e creature dall’aspetto pauroso.
La seconda tappa è quella della più celebre e glamour festa londinese che si tiene a Ham House (http://www.nationaltrust.org.uk/main/w-vh/w-visits/w-findaplace/w-hamhouse) e che per i più coraggiosi prevede anche un tour nelle segrete sotterranee alla ricerca della Duchessa di Lauderdale. Altra serata davvero interessante e di altrettanto brivido è quella che coinvolge Cambridge; qui dal 24 al 31 ottobre si tiene il tour dei fantasmi Scudamore’s Halloween Ghost (http://www.scudamores.com/punting/events/halloween.php), ovvero una gita in barca nella zona dei celebri college inglesi alla ricerca di fantasmi e presenza soprannaturali.

Halloween a Londra: gli appuntamenti per i più piccoli

Halloween-La festa più paurosa dell'anno

Ma Londra è una città che pensa anche ai bambini, ai quali festeggiare Halloween piace particolarmente. Vediamo quindi quali sono gli appuntamenti più interessanti per i bambini.
Partiamo da Holland Park e dalla zona di South Kensington, dove i bambini hanno campo libero per andare alla ricerca di dolci e caramelle. Non lontano si trova anche il Natural History Museum (http://www.nhm.ac.uk/), dove ogni anno si tengono appuntamenti, assolutamente free, dedicati appunto ai bambini.
Altra idea interessante è il Planetario Peter Harrison che il 30 ottobre organizza un concorso alla ricerca dei più spettacolari costumi da vampiro: l’obiettivo è preparare pipistrelli e trovare nuovi modi per proteggersi dai raggi solari. Se le vostre bambine desiderano diventare per un giorno una piccola fatina o una streghetta magica è il caso di portarle da Mystical Fairies (12 Flask Walk, Hampstead, tel. 0044.20.74311888): tra funghi a ombrello e bacchette magiche, si trovano anche pozioni, polverine e libri per scoprire e apprendere tutti i trucchi.