Partire con il cane: meglio assicurarlo

Cresce il mercato delle assicurazioni per gli animali domestici. Secondo gli ultimi dati del Rapporto Eurispes, nel 2017 si registra, rispetto all’anno precedente, un calo del 10% nel numero di famiglie con almeno un animale domestico ma ben il 33% della popolazione ne ha uno. E’ a questa fetta di italiani che si rivolgono i servizi delle compagnie assicurative che offrono una polizza cane o gatto ad hoc, come nel caso di UnipolSai.

Gli italiani che amano gli animali

I dati raccolti e diffusi a inizio anno da Eurispes evidenziano che ben il 33 per cento degli italiani ha scelto di condividere la propria casa e la propria vita con un animale domestico. il dato riflette una flessione, anche sensibile, rispetto ai dati di inizio 2016: -10 per cento. L’animale preferito dagli italiani resta il cane, è scelto dal 66 per cento della popolazione, seguito dal gatto, ospitato nelle case del 40,8 per cento della fetta di italiani che vivono con un animale domestico. Il 34,4 per cento delle persone che hanno scelto di vivere con un animale lo hanno acquistato in un negozio, solo il 22,1 per cento lo ha preso in un canile o gattile, il 30,4 per cento lo ha salvato dalla strada, adottando un animale abbandonato, e il 31,3 per cento lo ha ricevuto in regalo. Cresce del 6,4 per cento la spesa mensile per la cura del proprio animale ma quasi l’80 per cento degli italiani ammette di non spendere più di 50 euro al mese. La crisi economica ha pesato anche sulle cure che gli italiani sono sempre estati disposti a offrire ai propri amici a quattro zampe. Il 17,3 per cento degli italiani, infatti, ha detto di aver rinunciato a interventi delicati e cure costose a causa delle ristrettezze economiche, il 15,4 per cento ha dovuto ridurre la spesa per i medicinali. Il 39 per cento ha optato per l’acquisto di cibo meno costoso e il 25 per cento ha rinunciato alle visite veterinarie. Una fetta molto ampia, il 45 per cento, a causa del fattore economico ha rinunciato a prendere un secondo animale.

Gli amici a quattro zampe in vacanza

Con l’avvicinarsi del Natale e delle vacanze molti italiani si preparano per trascorrere fuori casa le festività, anche in compagni dei loro amici a quattro zampe. Sono sempre più numerose le strutture che ospitano animali di piccola taglia e in estate ben 5 milioni di famiglie sono partite con Fido e il loro gatto. A questo pubblico sempre più ampio si rivolgono i nuovi servii di molte compagnie assicurative. Esiste, infatti, un vero e proprio mercato della responsabilità civile per animali, dal valore potenziale che supera i 532 milioni di euro.

Tutti i servizi per gli amici a quattro zampe

Le assicurazioni offrono tipologie di servizi molto diverse che vedono protagonisti cani e gatti. La prima, come evidenziato in una recente rilevazione effettuata da Facile.it, è quella che assicura i nostri amici da eventuali danni successivi a un sinistro automobilistico. La RC auto, infatti, non copre né il guidatore né eventuali animali presenti in auto al momento dell’incidente. Al costo medio di 15 euro è possibile coprire questo gap. I massimali sono pari a 250 euro in caso di ferimento e 600 per eventuale morte dell’animale. Grazie al pacchetto “assistenza in viaggio”, invece, è possibile andare in vacanza con l proprio animale molto serenamente. Al costo di circa 110 euro si può contare sull’assistenza di una centrale operativa pronta a trovare per noi strutture pet friendly e offrire tutta l’assistenza necessaria. Con una spesa di 25 euro al mese, invece, l’assistenza è costante e copre tutti i danni che il cane o il gatto possono subire nel corso della vacanza. In questo caso, con spese entro i 120 euro, saranno rimborsate tutte le spese sostenute per le cure. I servizi offerti dalle compagnie assicurative sono molto simili e offrono coperture importanti. Informarsi per tempo è fondamentale per scoprire i servizi su misura per le proprie emergenze. L’assicurazione contro lo smarrimento prevede un costo annuo di 100 euro.

Varsavia: cosa vedere

Varsavia

La città nata intorno al Castello, era accerchiata dalle mura comunali, delle quali resta il Barbacane, una struttura difensiva e di accesso alla città. Le case colorate e le stradine formate da ciottoli sono segni caratteristici di questa splendida città ricca di storia e cultura e diventata dal 1980 patrimonio dell’Umanità come ha dichiarato l’UNESCO. Diverse sono le meraviglie di questa splendida città europea e qui vi saranno consigliate solo alcune di esse che dovrete assolutamente visitare durante il vostro soggiorno polacco.

Una Veduta del Castello Reale di Varsavia
Veduta del Castello Reale di Varsavia – Photo credit: magro_kr / Foter / CC BY-NC-ND

La cattedrale di San Giovanni innalzata come comunità religiosa diventò nel 1406 chiesa collegiata e, dal 1798, cattedrale, è messa in comunicazione senza intermediari al Castello da una galleria coperta. All’interno ospita un Crocifisso del 500, valutato miracoloso, la tomba dei recentissimi due duchi di Masovia. Nella cappella sotterranea è seppellito Gabriel Narutowicz, il primo presidente della Polonia ucciso appena salito in carica. La chiesa di Santa Maria Misericordiosa  situata su via Świętojańska, accanto alla Cattedrale, fu realizzata nel 1621 per i gesuiti. La chiesa di San Martino sulla via Piwna, era stata inizialmente costruita nel XV secolo e venne restaurata in stile barocco. Castello Reale o Zamek Królewski è imponente e valutato il segno di riconoscimento della risurrezione della città è un vero e proprio monumento di storia e cultura. Si scorge nella piazza del Castello, all’entrata della Città Vecchia. Il castello si suddivide intorno ad una grande reggia interna, venne in un primo momento distrutto dalle bombe tedesche durante l’invasione della Polonia del settembre 1939 e anche durante la rivolta di Varsavia. Le sue rovine vennero fatte detonare da ingegneri tedeschi nel settembre 1944.

Museo Fryderyk Chopin: la vita e le opere del famoso musicista e pianista polacco Fryderyk Chopin sono conservate all’interno del Museo che si trova nella parte centrale città. Tra le raccolte risaltano all’attenzione le lettere e manoscritti originali, doni particolari e l’ultimo pianoforte che l’autore polacco fece suonare. All’interno del museo vengono inoltre programmate fantastiche visite guidate nel luogo di nascita del compositore che si trova a soli a 50 km da Varsavia ed è quindi facilmente raggiungibile.

Come organizzare una vacanza a Varsavia

Programmare un viaggio di questi tempi può essere un qualcosa di molto difficile dal punto di vista organizzativo oltre quello economico. Fortunatamente però stanno nascendo molte realtà che hanno investito su strutture di accoglienza turistica, come hotel e appartamenti in residence, che mantengono basti i costi senza rinunciare alla qualità. Oggi vi vogliamo segnalare Varsavia, una bella capitale europea che sta vivendo, nonostante la crisi, un momento di splendore dal punto di vista economico e culturale. Da una parte l’apertura del vettore Wizz Air, il low cost polacco, che ha abbattuto i costi e reso accessibile da tutte le altre capitali sia Varsavia che Cracovia, dall’altra una politica di attrazione di giovani ed imprese internazionali, rendono Varsavia una delle più effervescenti realtà moderne.

Partiamo anche da un presupposto dovuto, ci saranno molte persone che hanno ancora un’idea della città legata alla guerra, che praticamente la rase al suolo durante gli anni 40. Oggi però Varsavia è stata completamente ricostruita, ed il centro storico è stato recentemente inserito all’interno dell’Unesco come patrimonio dell’umanità. Un centro storico che vive di grandi spazi, palazzi nobiliari e soprattutto uno dei giardini più belli d’Europa, che circonda il palazzo reale nella sua interezza all’interno della città.

Insomma, costi contenuti, bellezze da primato, una vita effervescente sia dal punto di vista dei locali che culturale. Viaggiare in Polonia oggi è fare un investimento verso se stessi. Ultima nota, il clima. Parliamo di temperature piuttosto temperate e piacevoli in primavera, con un caldo piuttosto evidente durante la stagione estiva. Maggio-Giugno il miglior periodo per organizzare un weekend d’evasione. Cosa aspettate?

Madame Tussauds: il Museo delle Cere a Londra

Londra è una città ricchissima di attrazioni fantastiche, di parchi immensi e di monumenti unici, che abbiamo avuto l’occasione di illustrarvi nella nostra guida cosa vedere a Londra. Tra questi ce n’è uno che non bisogna assolutamente perdersi vista la sua spiccata originalità: Madame Tussauds.

Madame Tussauds, il museo da scoprire

Madame Tussauds, o Museo delle Cere di Londra, è una delle attrazioni principali della città e un vero e proprio fiore all’occhiello di Londra. Il Museo ospita circa 400 statue di cera che ritraggono i più importanti personaggi del mondo dello spettacolo, della musica, del cinema ma anche dello sport e della politica. Tutte le statue sono realizzate a grandezza naturale e curate nei minimi dettagli, al punto che le statue si possono toccare e scrutare da vicino. La caratteristica principale del Madame Tussauds è quella di rinnovarsi continuamente visto che gli ambienti vengono costantemente aggiornati così come i personaggi.

Madame Tussauds: le sezioni

Madame Tussauds-Statua di Michael Jackson-

Madame Tussauds si articola in diverse sezioni, ognuna caratterizzata da un proprio stile. Nella sezione “Garden Party” è riprodotto un magnifico giardino dove ci si imbatte nelle statue di Tom Cruise, Brad Pitt, Hugh Grant, Julia Roberts, Mel Gibson, Naomi Campbell, Geri Halliwell, Kylie Minogue, Madonna, Nicholas Cage, Julia Roberts, John Travolt e molti altri personaggi del mondo dello spettacolo. Passando nella sezione “Grand Hall” è invece possibile ammirare le statue che riproducono i componenti delle famiglie reali, personaggi storici, ma anche artisti e scrittori. Qui è presente l’intera schiera della famiglia reale inglese, ma anche Ganhi, Mandela, i Beatles, Picasso solo per ricordarne alcuni. Presso la Camera degli Orrori, certamente una delle sezioni più conosciute di Madame Tussauds, sono riprodotti i personaggi più macabri della storia e gli episodi che hanno macchiato d’orrore il nostro passato. Ci si aggira, così, tra torture medioevali, prigioni, esecuzioni capitali, assassini e chi più ne ha più ne metta. Infine presso la sezione “Spirit of London”, ai visitatori viene data la possibilità di montare a bordo di un taxi per compiere un giro tra la Londra stilizzata, rivisitata nei suoi ultimi 400 anni di storia. Moltissimi in questa sezione gli effetti speciali e il personale coinvolto che conta circa 70 figuranti.

Madame Tussauds: informazioni utili

Negli anni Madame Tussauds è cresciuto e alla sede di Londra si sono aggiunte quella di Amsterdam, Hong Kong, Las Vegas e New York. Per evitare le lunghe code è bene acquistare in prevendita il biglietto anche visitando il sito internet www.madametussauds.co.uk oppure: www.madame-tussauds.com
Il museo Madame Tussauds è aperto:
• Dal lunedì al venerdì dalle 9:30 alle 17:30
• Sabato e Domenica dalle 9:00 alle 18:00

I prezzi di ingresso variano in base all’orario di ingresso e all’accesso o meno alla Chamber Live.

Madame Tussauds, Marylebone Road
Telefono: 0044 (0) 20 7935 6861 prenotazioni con carta di credito

Cosa vedere a Varsavia

Varsavia, città simbolo della Polonia

Varsavia, capitale della Polonia e capoluogo del Voivodato di Madovia, è una delle città più vivaci del paese oltre che un importante centro scientifico, culturale e politico. Completamente distrutta nel corso della Seconda Guerra Mondiale, Varsavia è stata ricostruita dopo la fine del conflitto, rispettando fedelmente la sua architettura originale. Proprio questa opera di ricostruzione, accurata e precisa, ha permesso a Varsavia di ritornare al suo antico splendore e di ridiventare una delle mete preferite del turismo internazionale, grazie al suo carattere deciso e alla sua bellezza multiforme.

Cosa vedere a Varsavia

Quello che colpisce di Varsavia è certamente il modo armonioso e naturale con il quale i moderni grattaceli a specchio sono riusciti a fondersi e ad integrarsi con gli antichi e sontuosi palazzi. Il risultato è un mix esplosivo e frizzante che stimola la curiosità e la voglia di conoscere meglio questa città.
Varsavia offre infatti ai propri turisti innumerevoli cose da vedere, al punto che sarà difficile dare una scelta. Il vostro tour per Varsavia non può però non prevedere:
• Città Vecchia o Stare Miasto: Il più antico distretto di Varsavia, nato introno al Castello e circondato da antiche mura delle quali resta il Barbacane, antica struttura difensiva che fungeva da accesso alla città. Nel 1980 la Città Vecchia è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, anche grazie alla profonda opera di riqualificazione che venne portata avanti dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. All’interno della Città Vecchia è possibile visitare molti luoghi interessanti oltre al Castello come la quattrocentesca Piazza Rynek Nowego Miasta, la Piazza del Castello Reale, la Colonna di Sisismondo, il Palazzo Pod Blacha. Dalla piazza centrale è possibile imboccare l’intreccio di vie che conducono nella parte nord del quartiere dove ci si imbatte nel magnifico Castello Ujazdowski, nel Palazzo Lazienki, splendida dimora settecentesca dell’ultimo re di Polonia e nella residenza presidenziale di Belvedere a Wilanow, residenza di campagna di re Giovanni II. Nella zona sud è possibile invece ammirare la Chiesa di San Giovanni, costruita nel 1406 e divenuta cattedrale nel 1798, e nella Chiesa di Santa Maria Misericordiosa, costruita nel 1621 per i Gesuiti
• Castello Reale: Il Castello Reale o Castello Zamek Krolewski è un edificio maestoso, considerato simbolo della rinascita della città. Situato all’imbocco della Città Vecchia, l’edificio era sede della Corte Reale della Polonia e degli uffici amministrativi. Il Castello venne parzialmente distrutto dai bombardamenti tedeschi e nel corso della rivolta di Varsavia, per poi essere ricostruito interamente rispettando fedelmente le sue fattezze originarie. Oggi il castello è sede di mostre temporanee e permaneti
• Museo di Fryderyk Chopin: Il Museo è posto proprio nel cuore della città e raccoglie le opere del celebre pianista, tra le quali spiccano lettere e manoscritti originali oltre a regali personali e all’ultimo pianoforte posseduto dal compositore
• Museo della Tecnologia: Inaugurato nel 1955, il museo è un vero e proprio labirinto, ma proprio grazie alla sua originale forma rende la visita molto più stimolante
• Galleria d’Arte Moderna Azcheta: La Galleria internazionale d’arte moderna di Varsavia è la più importante galleria d’arte moderna polacca ed ospita molti capolavori di artisti nazionali ed internazionali. La galleria è ospitata presso un antico palazzo e gode di gemellaggi con altre importanti realtà artistiche

Informazioni utili su Varsavia

Popolazione: 38.632.500
Superficie:312.683 km2
Fuso orario: stesso fuso orario dell’Italia
Lingue: Polacco
Religione: La religione cattolica è la più diffusa (sulla base di studi recenti, circa il 95 % della popolazione polacca si professerebbe cattolico). Sono presenti anche ortodossi (soprattutto nella zona di confine con la Bielorussia), protestanti, musulmani ed ebrei
Moneta: Zloty
Prefisso per l’Italia: 0039
Prefisso dall’Italia: 0048
Ambasciata d’Italia a Varsavia:
Plac Dabrowskiego, 6
00-055 Varsavia, Polonia
Tel.:+48 22 8263471/2/3/4
Fax: 8278507
E-mail: ambasciata.varsavia@esteri.it

Come raggiungere Varsavia dall’Italia: Raggiungere Varsavia, e la Polonia in generale dall’Italia, è piuttosto semplice.
In aereo: Voli per la Polonia sono disponibili dalla maggior parte delle città italiane con arrivo nelle maggiori città polacche. La compagnia di volo nazionale è la LOT Polish Airlines(http://www.lot.com/web/lot/home?fe=true). L’aeroporto principale della Polonia è quello di Varsavia conosciuto anche come Aeroporto Okecie di Varsavia (http://www.lotnisko-chopina.pl/en/passenger). Importante scalo è anche l’aeroporto Balice di Cracovia dedicato a Papa Giovanni Paolo II (http://www.krakowairport.pl/index.php)
In autobus: Per chi desidera raggiungere Varsavia in autobus consigliamo la compagnia Eurlines (http://www.eurolines.it/) che tocca le principali città italiane e polacche.

Muoversi a Varsavia:

In Metro: La metropolitana di Varsavia è aperta dalle 5 del mattino sino alle 00:40. Attualmente la metro si compone di una sola linea con 18 stazioni.
Per info: Informazioni e Numeri Utili:
Telefono: 48 22 655 40 00
Fax: 48 22 643 39 97
Da Cellulare: 602-553-253
Ufficio Oggetti Smarriti
Telefono: 48 22 655-01-10
Sito Internet: www.metro.waw.pl

In autobus: La stazione degli autobus si trova , in Al. Jerozolimskie 1, dove c’è anche la stazione centrale dei treni. Gli autobus effettuano corse dalle 05:00 alle 23:00. mentre il servizio notturno è garantito fino alle 04.30 del mattino.
Ci sono più di 140 linee e diversi tipi di bus: normali, che fermano ad ogni fermata, veloci, ovvero i numeri dal 500 in poi, e gli autobus “E” che si fermano solo al centro e nel proprio quartiere. Ci sono poi specifiche linee dedicate ai turisti: la linea 180 che circola ogni giorno, iniziando il suo percorso da Cmentarz Powązkowski. Durante il weekend, nella capitale polacca circolano due tram antichi. Attenzione, in questo tipo di tram non si può timbrare il biglietto. Lo si deve fare prima.
Per info:
Telefono: 22 94 84 (attivo 24 ore su 24)
E-mail: ztm@ztm.waw.pl
Sito Internet: www.ztm.waw.pl

Taxi: Trovare un taxi a Varsavia è semplice, tuttavia vista l’ampia presenza di tassisti abusivi si consiglia di prenotarlo telefonicamente chiamando, ad esempio, alcune grandi compagnie quali Nowa Taxi al numero 96 87, Wawa Taxi al numero 96 44 o Bayer Taxi al numero 96 97.
Altre compagnie di taxi che prestano servizio in città sono:
Bialy Taxi, tel. 9668, 633 33 33
Euro Taxi tel. 96 62
Halo Taxi tel. 96 23
Lux Taxi, tel. 9666
Merc Taxi tel. 677 77 77
MPT Taxi tel. 91 91
OK Taxi tel. 96 28
Sawa Taxi tel. 644 44 44
Super Taxi tel. 96 22
Volfra Taxi, tel. 9625