Partire con il cane: meglio assicurarlo

Cresce il mercato delle assicurazioni per gli animali domestici. Secondo gli ultimi dati del Rapporto Eurispes, nel 2017 si registra, rispetto all’anno precedente, un calo del 10% nel numero di famiglie con almeno un animale domestico ma ben il 33% della popolazione ne ha uno. E’ a questa fetta di italiani che si rivolgono i servizi delle compagnie assicurative che offrono una polizza cane o gatto ad hoc, come nel caso di UnipolSai.

Gli italiani che amano gli animali

I dati raccolti e diffusi a inizio anno da Eurispes evidenziano che ben il 33 per cento degli italiani ha scelto di condividere la propria casa e la propria vita con un animale domestico. il dato riflette una flessione, anche sensibile, rispetto ai dati di inizio 2016: -10 per cento. L’animale preferito dagli italiani resta il cane, è scelto dal 66 per cento della popolazione, seguito dal gatto, ospitato nelle case del 40,8 per cento della fetta di italiani che vivono con un animale domestico. Il 34,4 per cento delle persone che hanno scelto di vivere con un animale lo hanno acquistato in un negozio, solo il 22,1 per cento lo ha preso in un canile o gattile, il 30,4 per cento lo ha salvato dalla strada, adottando un animale abbandonato, e il 31,3 per cento lo ha ricevuto in regalo. Cresce del 6,4 per cento la spesa mensile per la cura del proprio animale ma quasi l’80 per cento degli italiani ammette di non spendere più di 50 euro al mese. La crisi economica ha pesato anche sulle cure che gli italiani sono sempre estati disposti a offrire ai propri amici a quattro zampe. Il 17,3 per cento degli italiani, infatti, ha detto di aver rinunciato a interventi delicati e cure costose a causa delle ristrettezze economiche, il 15,4 per cento ha dovuto ridurre la spesa per i medicinali. Il 39 per cento ha optato per l’acquisto di cibo meno costoso e il 25 per cento ha rinunciato alle visite veterinarie. Una fetta molto ampia, il 45 per cento, a causa del fattore economico ha rinunciato a prendere un secondo animale.

Gli amici a quattro zampe in vacanza

Con l’avvicinarsi del Natale e delle vacanze molti italiani si preparano per trascorrere fuori casa le festività, anche in compagni dei loro amici a quattro zampe. Sono sempre più numerose le strutture che ospitano animali di piccola taglia e in estate ben 5 milioni di famiglie sono partite con Fido e il loro gatto. A questo pubblico sempre più ampio si rivolgono i nuovi servii di molte compagnie assicurative. Esiste, infatti, un vero e proprio mercato della responsabilità civile per animali, dal valore potenziale che supera i 532 milioni di euro.

Tutti i servizi per gli amici a quattro zampe

Le assicurazioni offrono tipologie di servizi molto diverse che vedono protagonisti cani e gatti. La prima, come evidenziato in una recente rilevazione effettuata da Facile.it, è quella che assicura i nostri amici da eventuali danni successivi a un sinistro automobilistico. La RC auto, infatti, non copre né il guidatore né eventuali animali presenti in auto al momento dell’incidente. Al costo medio di 15 euro è possibile coprire questo gap. I massimali sono pari a 250 euro in caso di ferimento e 600 per eventuale morte dell’animale. Grazie al pacchetto “assistenza in viaggio”, invece, è possibile andare in vacanza con l proprio animale molto serenamente. Al costo di circa 110 euro si può contare sull’assistenza di una centrale operativa pronta a trovare per noi strutture pet friendly e offrire tutta l’assistenza necessaria. Con una spesa di 25 euro al mese, invece, l’assistenza è costante e copre tutti i danni che il cane o il gatto possono subire nel corso della vacanza. In questo caso, con spese entro i 120 euro, saranno rimborsate tutte le spese sostenute per le cure. I servizi offerti dalle compagnie assicurative sono molto simili e offrono coperture importanti. Informarsi per tempo è fondamentale per scoprire i servizi su misura per le proprie emergenze. L’assicurazione contro lo smarrimento prevede un costo annuo di 100 euro.

Budapest: il relax delle terme

Budapest: rilassarsi alle terme

Probabilmente pochi di voi hanno mai pensato a Budapest come una città del benessere, vale a dire un luogo dove ritrovare la forma fisica e il benessere mentale. Ebbene è proprio così, visto che la capitale dell’Ungheria può vantare ben 30 stazioni termali che sfruttano i benefici delle acque sulfuree che sgorgano dal sottosuolo calcareo della città. In realtà la vocazione al benessere in Ungheria è piuttosto antica, ed affonda le sue radici all’epoca dell’Impero Ottomano quando furono costruiti i bagni turchi, poi rimodernati nel 900’ ad ampliati con impianti e stazioni in stile art noveau.

Budapest e le sue terme

Budapest-Bagni termali Gellert

Di scelta in fatto di benessere a Budapest ce n’è davvero tanta, partendo dai numerosi hotel con Spa presenti in città, come ad esempio il celebre Danubius Health Spa Resort Margitszigest, un magnifico hotel situato sull’isola Margherita immerso in un paesaggio da sogno. Altrettanto conosciuti sono i Bagni Termali Gellért (Kelenhegyi út 4, tel. 0036.1.4666166), vero e proprio simbolo dell’architettura liberty a Budapest. Situato a Buda, questa struttura presenta interni arricchiti con mosaici di ceramica Zsolnay e vetrate dipinte, mentre le sue acque sono apprezzate sn dal 400’ ed erano tra le preferite dei turchi perché raggiungono la temperatura record dei 26-38 gradi.
Dallo stile liberty di questa stazione si passa a quello decisamente ottomano delle Terme Rudas (Döbrentei ter 9) la cui costruzione risale al 14esimo secolo e che oggi sono considerati tra gli esempi più importanti dell’architettura turca della città. L’acqua che scorre nelle sei piscine disponibili raggiunge la temperatura di 16-42 gradi e risulta molto ricca di idrogeno, magnesio, calcio e zolfo. Sempre sul Danubio si affacciano le Terme Kiraly (M2 fermata Batthyany ter), la cui costruzione fu voluta da Arshlan e Sokollu Mustafa Pasha verso la metà del 500’. I bagni termali raggiungono una temperatura compresa tra 30 e 39 gradi mentre la piscina fredda è stabilizzata a 26. Assolutamente da non perdere sono poi le 15 piscine termali delle Terme Szechenyi (Állatkerti krt. 11, tel. 0036.1.3633210) ospitate presso tre edifici in stile neo-barocco costruiti ai primi del 900’ che vantano il primato di struttura termale di maggior superficie in Europa. La maggior parte delle vasche si trova all’esterno ma il vapore prodotto dal calore permette comunque di godere del piacere di un bagno anche in pieno inverno quando le temperature sono vicine allo zero.

Budapest: i mercatini di Natale d’Ungheria

Budapest e gli eventi di Natale

Siamo ormai quasi nel pieno delle feste natalizie e nelle città europee si moltiplicano gli eventi e le iniziative dedicate alla festa più amata del mondo. Anche Budapest, capitale dell’Ungheria, non si sottrae alla tradizione dei mercatini di Natale, che qui ha radici antichissime e si richiama un po’ alle usanze tipiche dei paesi del Nord Europa, dove i mercatini sono sinonimo di stand in legno carichi di prodotti tipici della gastronomia e dell’artigianato locale.
Se avete deciso di passare le vostre feste natalizie nella bellissima capitale ungherese, allora dovete sapere che a Budapest troverete uno dei più belli ed affascinanti mercatini d’Europa.

Budapest e i mercatini di Natale

dolci natalizi, dolci tipici natale
Budapest- I famosi szaloncukor

Il più importante mercatino di Natale di Budapest, il mercatino di Karacsonui, si trova in piazza di Vorosmarty ter, dove gli stand vengono allestiti sin dai primi giorni di dicembre e dove troverete ad attendervi più di 100 bancarelle, presso le quali troverete i migliori oggetti della tradizione artigianale locale, realizzati in ceramica, vetro soffiato, ferro battuto ma anche porcellana e pelle. Si tratta di oggetti di grande valore e di notevole pregio, visto che ad occuparsi della selezione degli oggetti da mettere in vendita è la stessa Associazione ungherese dell’arte tradizionale, sempre molto attenta alla qualità dei prodotti.
Ma in questo magnifico mercatino di Natale non troverete solo i prodotti artigianali, ma anche il meglio della gastronomia locale, visto che sono moltissimi i prodotti tipici venduti. Qualche esempio?
Qui troverete i Bejgli, ovvero i tipici dolci natalizi ripieni di semi di papavero, uvetta e noci, oppure i Szalon cukor, vale a dire cioccolattini ripieni di marzapane, frutta e crema alla vaniglia. Solo per i più grandi, in vendita troverete anche il famoso vino Tokay, il brendy all’albicocca e il Forralt bor, anche noto come vin brulè da accompagnare con una bella fetta di strudel.
Per chi, invece, ama i sapori forti e il salato, da assaggiare è il Langos, ovvero una saporita focaccia fritta ricoperta di crema all’aglio, formaggio e salse locali, oppure diversi piatti a base di carne tra i quali spiccano il Pecsenye e il Kolbasz.
Non mancano, chiaramente, anche gli spazi riservati ai più piccoli con spettacoli di musica, danze, e teatro di burattini oltre, ovviamente, una bella rievocazione della Natività e l’imperdibile Casa di Babbo Natale. Da non perdere, oltre ai mercatini, anche le manifestazioni religiose e i tanti concerti natalizi dei quali il più famoso è certamente quello eseguito dall’Orchestra da Camera di Dublino presso Palazzo Duna Palota.

Voli last minute: le offerte per le capitali europee

Voli last minute: tutte le offerte per l’Europa

Come noto il tempo delle vacanze non finisce mai e anche se siamo quasi in autunno(nonostante il clima prettamente estivo!), non si deve rinunciare ad un viaggio, anche solo di un week-end, o di qualche giorno. Soprattutto adesso che ci sono numerose offerte per le principali capitali europee, a mio parere davvero da non perdere, non solo per la bellezza delle destinazioni ma anche perché, proprio in autunno, il calendario di eventi delle più grandi metropoli europee comincia di nuovo ad infittirsi.
Qualche esempio?
A Madrid sta per inaugurarsi la Settimana dell’Architettura che investirà diversi luoghi della città, a Parigi sarà di scena la grande mostra “La Città Proibita al Louvre-Gli imperatori di Cina e i re di Francia”, ad Amsterdam sarà la volta presso il Rijksmuseum della retrospettiva “Rembrandt&Degas”, al Victoria and Albert Museum di Londra potremmo invece visitare “”Postmodernism – Style and Subversion 1970-1990″, mentre a Berlino da non perdere è, presso la Fondazione Helmut Newton, una magnifica mostra di polaroid realizzate dall’omonimo fotografo.
Vi è venuta voglia di partire?

Voli last minute: le offerte

Berlino-Berliner Dom-Foto di Torek

Vediamo quindi nel dettaglio quali sono queste offerte voli low cost da non perdere.
• Parigi: Partenza l’8 ottobre da Milano Malpensa con volo diretto Air France e con ritorno Alitalia. Incluso soggiorno di due notti presso l’Hotel La Villa Alessandra(4 stelle- http://www.villa-alessandra.com/) a partire da 276 euro. Altra possibilità sempre quella di partire l’8 ottobre dall’aeroporto di Roma Ciampino con volo diretto low cost per un soggiorno di due notti all’hotel Les Jardin du Marais(4 stelle- http://www.lesjardinsdumarais.com/fr/index.php) a partire da 302 euro
• Londra: Partenza sempre l’8 ottobre da Milano Malpensa con volo low cost per due notti da trascorrere presso l’Executive Rooms by Shaftesbury (4 stelle- http://www.theshaftesbury.co.uk/hogarthexecutive.php) a partire da 268 euro. Oppure partenza da Roma Ciampino sempre con volo low cost per un soggiorno di due notti all’ Abba Queen’s Gate London Hotel (4 stelle- http://www.abbaqueensgatehotel.com/) a partire da 342 euro
• Amsterdam: Partenza l’8 ottobre da Roma Fiumicino con volo diretto per un soggiorno di due notti presso l’hotel Vondel Amsterdam (4 stelle- http://www.vondelhotels.com/index.php?option=com_content&view=category&layout=blog&id=48&Itemid=102) a partire da 347 euro. Nello stesso giorno la partenza si effettua anche da Milano Malpenda con volo diretto Easyjet e soggiorno per due giorni presso l’Hotel Arena(4stelle-http://www.hotelarena.nl/) a partire da 319 euro
• Madrid: Partenza l’8 ottobre dall’aeroporto di Bergamo Orio al Serio con volo diretto low cost per un soggiorno di due notti presso l’hotel El Coloso (4 stelle- http://www.hotelcoloso.com/IT/hotel.html) a partire da 224 euro. Stesso giorno di partenza ma da Roma Fiumicino con volo diretto Easyjet e con soggiorno di due notti presso l’Hotel Florida Norte(4stelle) a partire da 262 euro
• Berlino: Partenza l’8 ottobre dall’aeroporto di Bergamo Orio al Serio con volo diretto low cost per un soggiorno di due notti nell’hotel Angleterre (4 stelle- http://angleterre-hotel-berlin.h-rez.com/) a Berlino. Prezzo: a partire 285 euro .
Oppure, partenza l’8 ottobre dall’aeroporto di Roma Fiumicino con volo diretto Air Berlin (low cost al ritorno) per un soggiorno di due notti nell’Hotel Excelsior Berlin (4 stelle- http://www.hotel-excelsior.de/) a Berlino. Prezzo: a partire da 355 euro a persona.

Tutte le offerte sono disponibili su http://www.it.lastminute.com

Cosa vedere a Budapest

Budapest, capitale dell’Ungheria, è visitabile tranquillamente in 3-4 giorni.
La capitale ungherese è definita la Parigi dell’Est in quanto presenta diverse analogie con la capitale Francese, anche se per fortuna ha una propria identità.
Per il vostro soggiorno in Ungheria ecco Cosa vedere a Budapest:
– La Grande Sinagoga: è la più grande sinagoga d’Europa costruita nel 1859 e che può ospitare fino a 3000 persone. C’è da tenere in considerazione che Budapest ha da sempre ospitato una folta comunità ebraica con 22 sinagoghe all’attivo.
– Il Parco delle Statue: è il luogo dove gli abitanti di Budapest hanno raccolto tutte le statue che rappresentano le grandi figure del comunismo, unite a soldati liberatori dell’ex Urss.
– Il Castello di Buda: inizialmente tra le mura di questo castello, che ospitava i rifugiati di Pest, nacque una città che poteva competere in bellezza con Praga e Vienna, ma dopo la concquista da parte dei Turchi nel 1541 ne uscìì trasformata. Oggi è sede del palazzo reale e della Chiesa di Mattia.
– Pest: è la parte moderna della città dove si concentra la creatività con stilisti e artisti emergenti. Da vedere a Pest il Palazzo del Parlamento e il Duomo di Santo Stefano, la Grande Sinagoga e il Museo etnografico.
– Il Museo di Belle Arti: non ha nulla da invidiare al Louvre di Parigi e il Prado di Madrid in quanto ospita sei grandi sezioni dei maggior artisti della storia.
– I bagni termali: dopo tanto visitare chi non vorrebbe immergersi in calde acque termali? immergetevi in temperature che vanno dai 21 ai 78 C° e rilassatevi!
– L’Isola di Margherita: si trova al centro del Danubio ed è collegata da un ponte ed è l’ideale per rilassarsi nella piscina all’aperto, nelle acque termali o semplicemente uscire per poco tempo dal caos cittadino.