Partire con il cane: meglio assicurarlo

Cresce il mercato delle assicurazioni per gli animali domestici. Secondo gli ultimi dati del Rapporto Eurispes, nel 2017 si registra, rispetto all’anno precedente, un calo del 10% nel numero di famiglie con almeno un animale domestico ma ben il 33% della popolazione ne ha uno. E’ a questa fetta di italiani che si rivolgono i servizi delle compagnie assicurative che offrono una polizza cane o gatto ad hoc, come nel caso di UnipolSai.

Gli italiani che amano gli animali

I dati raccolti e diffusi a inizio anno da Eurispes evidenziano che ben il 33 per cento degli italiani ha scelto di condividere la propria casa e la propria vita con un animale domestico. il dato riflette una flessione, anche sensibile, rispetto ai dati di inizio 2016: -10 per cento. L’animale preferito dagli italiani resta il cane, è scelto dal 66 per cento della popolazione, seguito dal gatto, ospitato nelle case del 40,8 per cento della fetta di italiani che vivono con un animale domestico. Il 34,4 per cento delle persone che hanno scelto di vivere con un animale lo hanno acquistato in un negozio, solo il 22,1 per cento lo ha preso in un canile o gattile, il 30,4 per cento lo ha salvato dalla strada, adottando un animale abbandonato, e il 31,3 per cento lo ha ricevuto in regalo. Cresce del 6,4 per cento la spesa mensile per la cura del proprio animale ma quasi l’80 per cento degli italiani ammette di non spendere più di 50 euro al mese. La crisi economica ha pesato anche sulle cure che gli italiani sono sempre estati disposti a offrire ai propri amici a quattro zampe. Il 17,3 per cento degli italiani, infatti, ha detto di aver rinunciato a interventi delicati e cure costose a causa delle ristrettezze economiche, il 15,4 per cento ha dovuto ridurre la spesa per i medicinali. Il 39 per cento ha optato per l’acquisto di cibo meno costoso e il 25 per cento ha rinunciato alle visite veterinarie. Una fetta molto ampia, il 45 per cento, a causa del fattore economico ha rinunciato a prendere un secondo animale.

Gli amici a quattro zampe in vacanza

Con l’avvicinarsi del Natale e delle vacanze molti italiani si preparano per trascorrere fuori casa le festività, anche in compagni dei loro amici a quattro zampe. Sono sempre più numerose le strutture che ospitano animali di piccola taglia e in estate ben 5 milioni di famiglie sono partite con Fido e il loro gatto. A questo pubblico sempre più ampio si rivolgono i nuovi servii di molte compagnie assicurative. Esiste, infatti, un vero e proprio mercato della responsabilità civile per animali, dal valore potenziale che supera i 532 milioni di euro.

Tutti i servizi per gli amici a quattro zampe

Le assicurazioni offrono tipologie di servizi molto diverse che vedono protagonisti cani e gatti. La prima, come evidenziato in una recente rilevazione effettuata da Facile.it, è quella che assicura i nostri amici da eventuali danni successivi a un sinistro automobilistico. La RC auto, infatti, non copre né il guidatore né eventuali animali presenti in auto al momento dell’incidente. Al costo medio di 15 euro è possibile coprire questo gap. I massimali sono pari a 250 euro in caso di ferimento e 600 per eventuale morte dell’animale. Grazie al pacchetto “assistenza in viaggio”, invece, è possibile andare in vacanza con l proprio animale molto serenamente. Al costo di circa 110 euro si può contare sull’assistenza di una centrale operativa pronta a trovare per noi strutture pet friendly e offrire tutta l’assistenza necessaria. Con una spesa di 25 euro al mese, invece, l’assistenza è costante e copre tutti i danni che il cane o il gatto possono subire nel corso della vacanza. In questo caso, con spese entro i 120 euro, saranno rimborsate tutte le spese sostenute per le cure. I servizi offerti dalle compagnie assicurative sono molto simili e offrono coperture importanti. Informarsi per tempo è fondamentale per scoprire i servizi su misura per le proprie emergenze. L’assicurazione contro lo smarrimento prevede un costo annuo di 100 euro.

Cosa vedere a Stoccolma da maggio a luglio

stoccolma
Photo credit: Chodaboy / Foter / CC BY-NC-ND

Città dal clima fortemente marittimo e dall’atmosfera internazionale, in cui dovrete prendere diversi battelli per andare da punto all’altro della metropoli e visitare parchi, musei e palazzi antichi, ma saranno le attività che più vi piacerà fare a Stoccolma, che da maggio a luglio regala 19 ore di luce solare al giorno. Ecco, di seguito, solo alcuni dei luoghi e dei monumenti caratteristici di questa magica città.

Il Gamla Stan caratteristica e pittoresca zona dove troverete ristoranti, monumenti, negozi e tanti altri posti diversi che toccheranno in continuazione la vostra fantasia e curiosità. Le caratteristiche stradine selciate rendono la città unica nel suo genere. Il Palazzo Reale di questa città è uno dei palazzi più grandi del mondo e contiene 600 stanze che al suo interno ospitano musei molto interessanti.

Fra le strade più rilevanti del quartiere, Västerlånggatan e Österlånggatan, si innalzavano le mura che nel passato recintavano la città. Il Museo Vasa qui è presente l’unica nave che è rimasta del 1600, l’Ammiraglia Vasa è formata per oltre il 95% da pezzi originali ed è decorata da centinaia di sculture lavorate. Nel 1628, durante il suo primo viaggio inaugurativo, la nave affondò davanti le coste di Stoccolma e fu recuperata solo nel 1961.

stoccolma-vasa
Photo credit: *maya* / Foter / CC BY-NC-SA

Hanno impiegato cinquant’anni per ripristinarla in modo accorto e esatto e riportare alla sua antica grandezza. Per apprendere più adeguatamente gli inconfessati segreti dell’Ammiraglia Vasa potrete curiosare tra le nove mostre dissimili che corredano di illustrazioni le caratteristiche della vita a bordo e vedere il film sulla nave presentato in 16 lingue.

Il Municipio è uno dei più classici casi di architettura in stile romanico svedese ed è sovrastato dalle Tre Corone dorate della sua estremità alta 106 metri, segno di riconoscimento del potere della Svezia. Progettato dall”architetto Ragnar Östberg e aperto al pubblico la sera del solstizio d”estate del 1923, il Municipio si concepisce di otto milioni di mattoni e al suo interno risaltano il magnifico Gyllene Salen, il Salone Dorato, del tutto ornato con mosaici da 18 milioni di tasselli d”oro e l”affresco di Prins Eugen. Nella sala consiliare si aprono le assemblee della giunta comunale di Stoccolma e nella parte interna delle mura del Municipio si tiene il suggestivo ricevimento dei Premi Nobel.

Stoccolma: le migliori offerte low cost

 

Stoccolma: viaggio low cost in Svezia

Se la nostra guida “Cosa vedere a Stoccolma” ha stimolato il vostro interesse e avete deciso di intraprendere un viaggio tra i paesaggi svedesi, allora qualche utile suggerimento su come risparmiare potrebbe esservi di certo molto utile.
Particolarmente affascinante nel periodo natalizio, con le sue luci soffuse, i suoi incantevoli mercatini e i tanti eventi che si svolgono soprattutto a Ganla Stan, Stoccolma è anche conosciuta per essere una città piuttosto cara e nella quale bisogna fare attenzione alle spese.
Tuttavia basta prendere alcuni semplici accorgimenti che vi permetteranno di risparmiare molto, senza dover rinunciare a nessuna delle attrazioni che Stoccolma vi offre.

Stoccolma: i segreti per risparmiare

La Stockholm Card

Partiamo innanzitutto dalla sistemazione. A Stoccolma esistono numerose possibilità per risparmiare sia che optiate per i soggiorni classici, sia che desideriate dormire in alberghi un po’ più particolari, come ad esempio un ex-prigione o una nave. Nel primo caso avrete solo l’imbarazzo della scelta, visto che a Stoccolma ci sono soluzioni davvero per tutte le tasche reperibili su siti in stile Booking (http://www.booking.it ) o su portali più mirati come Stockhol30 (http://www.stockholm30.com/it/).
Altra spesa che incide molto quando si decide di intraprendere un viaggio a Stoccolma, è certamente quella dell’aereo. Tuttavia negli ultimi anni sono nettamente cresciuti i servizi di collegamenti diretti con Stoccolma e numerose compagnie di bandiera garantiscono voli quotidiani con i principali aeroporti italiani.
La compagnia aeree di bandiera svedese è la SAS-Scandinavian Airlines (http://www.flysas.com/it/it/?WT.srch=1&WT.mc_id=IT28&gclid=CL2alL-MyKwCFU5TfAodIlMApg&vst=true) che mette in collegamento Stoccolma con Milano Linate, Milano Malpensa, Roma e Bologna a prezzi che partono da 50 euro. Esistono poi anche numerose compagnie low cost che vi permetteranno di raggiungere la capitale svedese; si può scegliere tra la Nowegian (http://www.norwegian.com/it/?gclid=CIDh7fCNyKwCFYJH3god_3zRrw) con partenza da Roma, Venezia e Palermo con prezzi a partire da 60 euro, e la Ryanair (http://www.ryanair.com/it) con partenza da Milano (aeroporto di Orio al Serio), da Roma Ciampino, da Rimini, da Torino e Trapani Birgi, con tariffe a partire da 30 euro.
Una volta giunti a Stoccolma ci sono altre accortezza che potete adottare per risparmiare. In primo luogo vi consigliamo la Stockholm Card, vale a dire la carta che vi consentirà di muovervi liberamente sui mezzi pubblici e di entrare gratis nei musei e in altri monumenti cittadini. La Stockholm Card può essere acquistata per 1, 2, 3 o 5 giorni con costi a partire da 425 corone svedesi, vale a dire circa 40 euro, presso i Tourist Center o sul sito http://shop.visitstockholm.com/en-GB/stockholmskortet-c-105-7.aspx
Questa card vi permetterà di godere di notevoli riduzione e di partecipare gratuitamente a gite ed escursioni in battello alla scoperta delle meravigliose isole che costituiscono l’arcipelago di Stoccolma.

Stoccolma: mercatini e molto altro ancora

Stoccolma: visitare i mercatini e non solo

Le vacanze di Natale sono più vicine di quanto si pensi, così come il ponte di Ognissanti oramai alle porte! Se siete alla ricerca di una destinazione per l’uno o l’altro periodo cosa ne dite di Stoccolma?
Dopo avervi indicato cosa vedere a Stoccolma, oggi vogliamo portavi alla scoperta di alcuni degli angoli più suggestivi della città e degli appuntamenti assolutamente da non perdere!
La prima cosa da vedere a Stoccolma, soprattutto nel periodo natalizio, sono i tanti mercatini di Natale che vengono allestiti in città in questo periodo dell’anno. I mercatini di Natale di Stoccolma sono, infatti, un evento unico che vi trascinerà in un turbinio di barche di marzapane, calendari dell’avvento viventi, buffet natalizi e molto altro ancora. Se avete la fortuna di visitare uno di questi mercatini sarete avvolti da un’atmosfera a dir poco magica, cosa alla quale contribuisce anche il fatto che in questo periodo il sole non sorge quasi mai.

Stoccolma: cosa fare a Natale

I lumini del Cimitero di Skogskyrkogården

Quindi se il prossimo Natale state pensando di regalarvi un soggiorno a Stoccolma, allora vi sarà utile sapere cosa fare. Se siete fan dei mercatini questi sono quelli che non potete perdervi assolutamente:
• Mercatino di piazza Stortorget nella Città Vecchia
• Mecatino presso Museo all’aperto Skansen
• Mercatino Kungstradgarden
• Mercatino nelle antiche scuderie reali Hovstallet
• Mercatino al giardino di Rosendal

Particolarissimo è poi il mercatino allestito presso l’Accademia di design Konstfack e Beckmans, dove troverete in vendita pezzi unici, inediti e vere e proprie perle di creatività per addobbare la vostra casa a Natale.
Se cercate qualcosa di alternativo ai mercatini, invece, vi consigliamo di non perdevi la barca di marzapane a Nybrokajen, sulla quale potrete acquistare tutti i dolci che desiderate!

Stoccolma: cosa fare ad Halloween

Se la vostra idea è di recarvi a Stoccolma per Halloween, sappiate che in Svezia non esistono zucche, streghe o spiritelli e che anche la data è diversa; non il 31 ottobre ma bensì il primo sabato di novembre. Proprio in questo giorno, secondo la tradizione, le persone si recano al cimitero per portare sulla tomba dei propri cari ghirlande intrecciate con rami di pino e candele. L’appuntamento è fissato allo Skogskyrkogården , ovvero “cimitero nel Bosco”, camposanto di Enskede, nella zona sud di Stoccolma, progettato dagli architetti funzionalisti Gunnar Asplund e Sigurd Lewerentz nel 1917 e dal 1994 patrimonio mondiale dell’Unesco.
Qui tra più di 100 ettari di terra vengono accesi lumini e candele nel corso di una cerimonia che riunisce migliaia di persone, raccolte in preghiera per salutare i propri cari.

Cucina svedese: i piatti tipici

Cucina svedese: caratteristiche

La cucina svedese è caratterizzata soprattutto da piatti di carne, pesce e dall’abbondante utilizzo di patate e di condimenti come i frutti di bosco e di erbe aromatiche come l’aneto, usato soprattutto con piatti a base di salmone. Il pesce rimane comunque la parte principale dell’alimentazione svedese; non a caso viene cucinato in qualunque modo, affumicato, marinato, crudo o condito con diversi tipi di salse. Particolarmente amati sono i salmoni, le anguille, il baccalà, i merluzzi e i crostacei, mentre per quanto riguarda la carne, quella di maiale è senza dubbio la preferita, seguita dalla carne di vitello, di alce e di renna. Tra i vegetali, quello più utilizzato in cucina sono certamente le patate, ingrediente base di numerosissimi piatti.
In linea di massima i pasti della cucina svedese sono costituiti da piatti unici, accompagnati da diversi tipi di contorni. La colazione è uno dei pasti più importanti e, come da tradizione nei paesi nordici, è molto abbondante prevedendo uova sode o strapazzate, prosciutto, formaggi, cereali, succhi di frutta, yogurt, salsicce e polpette. Il pranzo è piuttosto leggero e composto da un piatto unico come le polpette di carne o di pesce, mentre la cena è il momento in cui si riunisce tutta la famiglia e le pietanze sulla tavola abbondano.

Cucina svedese: i piatti tipici

Cucina svedese-Il Pumpkinroll

Vediamo adesso quali sono i piatti più famosi della cucina svedese che, negli ultimi anni, si stanno facendo conoscere anche all’estero risultando molto apprezzati.
• Gravad Lax: Ovvero salmone marinato in una miscela di sale grosso, zucchero, pepe nero e aceto per circa 2 giorni da servire poi accompagnato da pane di segala e burro
• Glassmestersild: Arringhe marinate con cipolle rosse, rafano, carote, foglie di alloro, grani di pepe e di senape e zenzero. L’intero composto viene poi amalgamato con una miscela di aceto, acqua, zucchero e lasciato riposare per 5 giorni prima di essere consumato
• Strommingslada: Vale a dire arringhe cotte al forno e farcite con burro, acciughe, rafano e prezzemolo e poi cotte al gratinate con pomodoro e pangrattato
• Rodbestsallad: Si tratta di insalata di barbabietole rosse bollite unite a mele, centrioli e il tutto condito con panna acida e rafano grattuggiato
• Cavolo rosso al vino: Cavolo stufato con grasso d’oca, uva secca e mele affettate il tutto bagnato con vino rosso e poi cotto in forno
• Knachebrod: E’ il pane svedese, ovvero pane di frumento e segale aromatizzato al finocchio
• Kottbullar: Forse il piatto più famoso della Svezia, polpette di carne o di pesce a seconda delle preferenze
• Pytt Panna: Il pasticcio svedese, ovvero un piatto a base di carne di maiale o di manzo accompagnato da un contorno di patate e cipolle o barbabietole tagliate e accompagnate da uova fritte
• Pepparkakor: Ovvero biscotti allo zenzero tipici del periodo natalizio
• Lussekatter: Pagnottine dolci con zenzero e uva passa
• Spettkaka: Una torta di mele davvero particolare, grande circa 1 metro, condita con molte uova e cotta allo spiedo

Cucina svedese: le caratteristiche regionali

Ogni regione della Svezia si caratterizza poi per alcune sue specialità. Ad esempio in Lapponia, oltre al famoso caviale Lojrom, tipici sono i piatti a base di carne di renna, alce o quelli a base di salmone, spesso conditi con i classici lamponi gialli. Famosi sono anche i biscotti allo zenzero e la zuppa dolce alla rosa, spesso accompagnata da scaglie di mandorle. Infine tra le bevande troviamo la birra, la Snaps, ovvero l’acquavite, e il glogg, ovvero il tipico vin brulé svedese.

Cosa vedere a Stoccolma

Stoccolma è una di quelle città Europee di cui si sente parlare poco e che difficilmente viene presa in considerazione tra le principali da visitare, il che è un vero peccato perchè chiunque metta piede in questa città pensa “ma perchè non ci ho pensato prima?”.
Se siete tra quelli che ci hanno già fatto un pensierino o lo stanno facendo leggendo, ecco cosa vedere a Stoccolma:

– Il Castello di Drottningholm a Stoccolma: è il palazzo reale meglio preservato di tutta la Svezia risalente al XVII secolo. Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO dal 1991 è dimora permanente della famiglia reale, ma è aperto alle visite al pubblico. La visita non si limita al solo castello, infatti ci sono anche il Teatro Drottningholm, il Padiglione Cinese e il meraviglioso Parco.
– Il Municipio di Stoccolma: costruito in stile romanico fu inaugurato nel 1923 ed è dominato dalle Tre Corone dorate della sua guglia alta 106 metri, simbolo del potere della Svezia.
– Skansen a Stoccolma: questo luogo è ideale per una gita in famiglia in quanto si possono ammirare il museo all’aperto più antico del mondo,  palazzi storici della Svezia in miniatura e i vostri figli, e perchè no anche voi, si divertiranno al bellissimo zoo di Stoccolma.
– Moderna Museet: è il museo d’arte moderna situato sull’isoletta di Skeppsholmen collegata alla terra ferma da un ponte. All’interno del museo meravigliose collezioni d’arte dal Novecento ad oggi.
– Gamla Stan: questa zona è uno dei centri storici medievali migliori d’Europa e all’interno della quale si trovano la piazza più antica di Stoccolma e il palazzo Reale.
– Il Museo Vasa: in questo museo si può ammirare l’unica nave del 1600 presente sulla terra nei suoi 69 metri di lunghezza.