Partire con il cane: meglio assicurarlo

Cresce il mercato delle assicurazioni per gli animali domestici. Secondo gli ultimi dati del Rapporto Eurispes, nel 2017 si registra, rispetto all’anno precedente, un calo del 10% nel numero di famiglie con almeno un animale domestico ma ben il 33% della popolazione ne ha uno. E’ a questa fetta di italiani che si rivolgono i servizi delle compagnie assicurative che offrono una polizza cane o gatto ad hoc, come nel caso di UnipolSai.

Gli italiani che amano gli animali

I dati raccolti e diffusi a inizio anno da Eurispes evidenziano che ben il 33 per cento degli italiani ha scelto di condividere la propria casa e la propria vita con un animale domestico. il dato riflette una flessione, anche sensibile, rispetto ai dati di inizio 2016: -10 per cento. L’animale preferito dagli italiani resta il cane, è scelto dal 66 per cento della popolazione, seguito dal gatto, ospitato nelle case del 40,8 per cento della fetta di italiani che vivono con un animale domestico. Il 34,4 per cento delle persone che hanno scelto di vivere con un animale lo hanno acquistato in un negozio, solo il 22,1 per cento lo ha preso in un canile o gattile, il 30,4 per cento lo ha salvato dalla strada, adottando un animale abbandonato, e il 31,3 per cento lo ha ricevuto in regalo. Cresce del 6,4 per cento la spesa mensile per la cura del proprio animale ma quasi l’80 per cento degli italiani ammette di non spendere più di 50 euro al mese. La crisi economica ha pesato anche sulle cure che gli italiani sono sempre estati disposti a offrire ai propri amici a quattro zampe. Il 17,3 per cento degli italiani, infatti, ha detto di aver rinunciato a interventi delicati e cure costose a causa delle ristrettezze economiche, il 15,4 per cento ha dovuto ridurre la spesa per i medicinali. Il 39 per cento ha optato per l’acquisto di cibo meno costoso e il 25 per cento ha rinunciato alle visite veterinarie. Una fetta molto ampia, il 45 per cento, a causa del fattore economico ha rinunciato a prendere un secondo animale.

Gli amici a quattro zampe in vacanza

Con l’avvicinarsi del Natale e delle vacanze molti italiani si preparano per trascorrere fuori casa le festività, anche in compagni dei loro amici a quattro zampe. Sono sempre più numerose le strutture che ospitano animali di piccola taglia e in estate ben 5 milioni di famiglie sono partite con Fido e il loro gatto. A questo pubblico sempre più ampio si rivolgono i nuovi servii di molte compagnie assicurative. Esiste, infatti, un vero e proprio mercato della responsabilità civile per animali, dal valore potenziale che supera i 532 milioni di euro.

Tutti i servizi per gli amici a quattro zampe

Le assicurazioni offrono tipologie di servizi molto diverse che vedono protagonisti cani e gatti. La prima, come evidenziato in una recente rilevazione effettuata da Facile.it, è quella che assicura i nostri amici da eventuali danni successivi a un sinistro automobilistico. La RC auto, infatti, non copre né il guidatore né eventuali animali presenti in auto al momento dell’incidente. Al costo medio di 15 euro è possibile coprire questo gap. I massimali sono pari a 250 euro in caso di ferimento e 600 per eventuale morte dell’animale. Grazie al pacchetto “assistenza in viaggio”, invece, è possibile andare in vacanza con l proprio animale molto serenamente. Al costo di circa 110 euro si può contare sull’assistenza di una centrale operativa pronta a trovare per noi strutture pet friendly e offrire tutta l’assistenza necessaria. Con una spesa di 25 euro al mese, invece, l’assistenza è costante e copre tutti i danni che il cane o il gatto possono subire nel corso della vacanza. In questo caso, con spese entro i 120 euro, saranno rimborsate tutte le spese sostenute per le cure. I servizi offerti dalle compagnie assicurative sono molto simili e offrono coperture importanti. Informarsi per tempo è fondamentale per scoprire i servizi su misura per le proprie emergenze. L’assicurazione contro lo smarrimento prevede un costo annuo di 100 euro.

Cosa vedere a Ginevra

ginevra-ante

Ginevra è una delle città più piccole d’Europa ma simbolo di internazionalità; è una metropoli poliedrica, ospita i più importanti centri della finanza ed è in particolare una città di grande storia e cultura, vanta la presenza di numerosi artigiani che ancora oggi creano orologi fantastici e che rappresentano uno dei simboli della Svizzera.

ginevra
Photo credit: hjl / Foter / CC BY-NC

Passeggiando tra le sue strade pine di banche e gioiellerie potrete ritrovarvi anche di fronte ad un panorama romantico con il fiume Rodaro che attraversa la città e poi sfocia nel grande lago. Ma le bellezze di Ginevra sono tantissime e di seguito troverete una piccola ed interessante guida da seguire durante il vostro soggiorno svizzero.

Jet d’Eau di Ginevra è ritenuto il segno di riconoscimento più lampante di Ginevra, un altissimo getto d”acqua in grado di emettere 500 litri d”acqua al secondo ad una forza di 200 km orari ed alto 140 metri. Creato nel 1886 come un” attrazione stagionale rimasta negli anni poichè ottenne grande successo.

Per motivi di risparmio di energia il getto non può essere persistente. Pont des Bergues è una piccola isoletta situata nel centro del fiume Rodaro, tra il Pont de Bergued ed il Pont de Mont Blanc e ricca di verde e dedicata a Rousseau, filosofo nato a Ginevra nel 1712.

Quartiere di Cologny è uno dei quartieri più elitari di Ginevra, noto non solo per la spiaggia molto popolare e per gli sport acquatici che qui si possono fare, ma anche per la biblioteca più famosa d’europa e che contiene diversi testi importanti. Inoltre qui è presente la celebre Villa Diodati, un edificio del primo 700 noto per aver dato alloggio a diversi letterati di quel tempo e dei primi anni del secolo successivo.

st-pierre-ginevra
Photo credit: violetz_85 / Foter / CC BY-NC-ND

Cattedrale di St. Pierre La Cattedrale di Ginevra si fa stimare in tutta la sua grandiosità gotica, sin dal dodicesimo secolo, sebbene sia stata più volte rielaborata nel tempo. Nuovi scavi hanno svelato un antecedente santuario cristiano del IV secolo. Fu proprio nel convento di San Pierre che i ginevrini nel 1536 decretarono di cambiare la loro chiesa madre da cattolica a luterana. Da quel momento Ginevra diventò il nucleo del calvinismo europeo, una specie di Roma pontificale di credo protestante.

Scoprire Lugano in funivia

Lugano è una città sul lago in Ticino, di lingua italiana parte del sud della Svizzera. Li troviamo di un microclima temperato, Lugano offre palme, viali pittoreschi, una vista mozzafiato sul lago e sulle Alpi, e un sacco di opportunità per le attività all’aperto e al coperto. Lugano fa anche una buona base per visitare altre città e dei siti della zona. La città è un luogo piacevole per rilassarsi in estate ed è a solo mezz’ora di distanza dal Lago di Como.

Lugano è abbastanza piccola per andare in giro a piedi, e molte delle strade sono solo pedonali, ma le colline sopra il lago sono molto ripide quindi l’autobus o con la funicolare dal centro della città potrebbe essere una migliore opzione sulla strada fino a la stazione ferroviaria se avete un sacco di borse. I taxi si trovano sulle strade principali. I traghetti e funicolari sono grandi opzioni per vedere i punti più belli della città.

Per maggiori informazioni:

Funicolare Lugano Citta – Stazione. Questa funicolare collega il centro storico della città in riva al lago per la stazione ferroviaria più alta in cima alla collina. Partendo 05.20 fino 23.50, sempre, non vi è uno ogni 5-10 minuti.

Funicolare Lugano Paradiso – Monte San Salvatore, telefono +41 91 985 28 28. Una funicolare che va da Lugano alla cima del Monte San Salvatore, con una vista spettacolare sul Lago di Lugano, l’istmo di Melide, il Monte Generoso e l’enclave italiana di Campione d’Italia, dall’altra parte del lago.
Funicolare Monte Brè – Monte Brè, una funicolare che collega Lugano a cima al Monte Brè per 14 fr. un modo e 20 fr. andata e ritorno.

Per soggiornare vi consigliano l’Hotel Lugano Swiss Diamond.

Svizzera: dormire in un igloo

 

Svizzera: l’innovazione dei WhitePod

Se siete alla ricerca di un soggiorno davvero stravagante e al di fuori dei soliti schemi, allora il nostro consiglio è quello di recarvi in Svizzera dove vi attende una sistemazione davvero fuori dal comune.
Di cosa parliamo? Ma di WhitePod, ovvero una serie di semisfere geodetiche, costruite su piattaforme di legno alpino che isolano l’ambiente dal freddo esterno, ideate dalla creatività di Sofia de Mayer che ha voluto dar vita a dei veri e propri igloo, ma dal design decisamente avveniristico.
La caratteristica principale di WhitePod (http://www.whitepod.com/) è essenzialmente quella di essere stato concepito in maniera ecologica, visto che ogni igloo è riscaldato da stufe a legna. Molto curato anche il design che ha portato a dotare ogni struttura anche di una bella terrazza e questo perché questi igloo non sono stati concepiti come una sistemazione esclusivamente invernale.
Il cuore centrale del WhitePod si trova sistemato in uno chalet del 1800, compreso di ristorante e Spa annessa per concedersi rilassanti momenti di riposo e di benessere.
In pratica si tratta di un camp resort davvero speciale ed assolutamente unico nel suo genere che è stato premiato come primo per il Turismo Sostenibile all’Innovazione.
Questi igloo speciali ed ecosostenibili si trovano tra le magnifiche montagne svizzere e sono raggiungibili solo con gli sci o con il gatto delle nevi. Per arrivare a WhitePad sarà quindi necessaria un po’ di fatica, ma ne varrà davvero la pena, visto che oltre a dormire in un igloo avrete l’occasione di ammirare il magnifico panorama sul Lago Leman e sulle piste che lo circondano.
Per il periodo di Natale sono disponibili anche dei pacchetti romantici, grazie ai quali vi sarà data la possibilità di vivere questa bella esperienza spendendo circa 1.280 euro.

Vivere a Lugano

Vivere a Lugano rappresenta una scelta indicata per quelli che non ne possono più dello stress e della vita caotica della grandi città. Lugano pur essendo una città cosmopolita, offre tutti i vantaggi legati ad uno stile di vita tranquillo e rilassante. Un luogo ideale in cui vivere o passare delle rilassanti vacanze: bella, ricca di spazi verdi, con ottimi servizi. Una città slow, che coniuga servizi all’avanguardia con uno stile di vita a misura d’uomo. Un piccolo miracolo della civiltà moderna dove è possibile fare tutto: divertirsi, fare sport, vivere bene, rilassarsi, curarsi e coltivare il proprio benessere psicofisico.

Lugano-Kursaal Casino

Acquistare  casa a Lugano è indicato per chi lo fa in un’ottica residenziale più che speculativa (viste le leggi restrittive in questo senso). E’ una città ricca di monumenti storici e di istituzioni culturali: è un luogo dove regna l’attenzione all’uomo. L’agenzia immobiliare Metropolis rappresenta un punto di riferimento per chi desidera acquistare casa a Lugano o Mendrisio. Propone appartamenti, ville, residenze ad ottimi prezzi. E’ inoltre possibile consultare direttamente le proposte di vendita sul sito web sempre aggiornato www.metropolisimmobiliare.com, con sezioni ben curate.

Se il vostro desiderio è quello di comprare un appartamento a Lugano, allora contattate l’agenzia Metropolis che saprà rispondere a tutte le vostre domande e venire incontro ad ogni vostra esigenza.

Berna: visitiamo i mercatini di Natale

Berna: città magica da visitare

Pur essendo la capitale della Svizzera, Berna è solo la quinta città della Confederazione Elvetica per numero di abitanti. Una condizione, questa, che le ha permesso di mantenere sostanzialmente intatta la propria struttura originaria, preservando talmente bene i propri monumenti e i propri “tratti” storici, da essere stata inclusa nella World Heritage List dell’Unesco.
Si tratta quindi di una città da sogno che diventa ancora più magica nel periodo natalizio, quando Berna, già tra le più attive dal punto di vista culturale dell’intera Svizzera, si riempie di eventi ed iniziative, molte delle quali dedicate appunto al Natale.
Vediamo quindi, quali sono gli appuntamenti più interessanti nel periodo natalizio, ovvero quegli eventi che, aggiungendosi alla lista di cosa vedere a Berna, renderanno il vostro soggiorno in questa città davvero da favola.

Berna: alla scoperta dei mercatini di Natale

I mercatini di Natale di Berna

Se siete degli appassionati del Natale e volete vivere la vera atmosfera di questo magico periodo, allora non potete perdervi i magnifici mercatini di Natale di Berna. In città se ne contano due; uno nella Waisenhauplatz e uno allestito proprio davanti alla Cattedrale di Munster.
Entrambi sono formati da circa una cinquantina di casette di legno, presso le quali potrete trovare davvero di tutto; dall’artigianato alla gastronomia, passando per i prodotti della tradizione.
Nelle 50 casette di legno del mercatino di Natale di Waisenhauplatz vi perderete tra oggetti d’artigianato, fiori secchi, bijoux, decorazioni natalizie in vetro, tessuti realizzati a mano, giocattoli in legno, cappelli, ceramiche, candele intagliate, minerali, tipici coltellini svizzeri, spezie per la cucina e le immancabili campanelle d’antiquariato. Da gustare, anche per scaldarsi un po’ viste le temperature, il vin brulè, da bere con una fetta di croccante, panpepato o salsiccia alla griglia, per darsi davvero ristoro! Una simpatica particolarità del mercatino è la Packlihaus (casa dei doni) dove è possibile impacchettare e decorare tutti i regali comprati.
Nel secondo mercatino di Natale, composto da circa 30 casette di legno potrete comprare di tutto da fiori secchi a collane di pietra, da candele a ceramiche, passando per gli orsacchiotti di peluche, le sciarpe e le porcellane. Imperdibili gli stand gastronomici dove potrete assaggiare il meglio della cucina svizzera: reclette di formaggio sul pane, vin brulè, carne, caldarroste e tantissimi dolci.

Bernina Express: tutte le offerte per viaggiare tra le Alpi

Bernina Express: le proposte del trenino rosso

Per tutti coloro che stanno pensando di regalarsi un viaggio davvero speciale, oggi vogliamo suggerirvi un itinerario davvero suggestivo a bordo del trenino rosso più famoso d’Italia: il Bernina Express. Notissimo treno della ferrovia retica, dal 2008 insignito anche con il titolo di Patrimonio Mondiale UNESCO, il Bernina Express attraversa la Valtellina sul confine tra Italia e Svizzera a poco più di un ora da Milano e da St. Moritz, in Engadina. Fare un viaggio a bordo del Bernina Express è sempre più particolare, ma lo è certamente di più nella stagione autunnale ed invernale, quindi perché non provare?
L’occasione ve la da la nuova promozione che vi permette dal 24 ottobre sino a 4 dicembre di acquistare un solo biglietto di andata e di poter viaggiare, gratis, anche per il ritorno, potendo beneficiare di questa più che interessante offerta per il tratto Tirano-St.Moritz, nell’Alta Engadina, per un viaggio che dura circa 4 ore.

Bernina Express: l’itinerario di viaggio

Le montagne valtellinese

Il viaggio a bordo del Bernina Express ha inizio dalla stazione di Tirano, per poi proseguire a spirale nella Valposchiavo sino a giungere a St. Moritz, attraverso montagne che possono raggiungere anche i 4000 metri di altezza. Lungo il percorso lo scenario che vi troverete di fronte sarà assolutamente eccezionale, visto che potrete ammirare l’intero gruppo del Bernina e i magnifici panorami alpini. Il biglietto costa 29 franchi, ovvero 24 euro, i bambini sino a 6 anni viaggiano gratis mentre dai 6 ai 16 anni è possibile beneficiare di uno sconto del 50%. Le prenotazioni sono obbligatorie e possono essere effettuate sul sito www.rhb.ch o per telefono (tel. 0342.701353).
Un’altra promozione interessante che è attiva solo durante la stagione sciistica è quella che permette, al prezzo simbolico di 1 franco svizzero da aggiungere alla normale tariffa, di viaggiare a bordo del Bernina Express da Tirano a Bernina Diavolezza, uno dei comprensori sciistici più grandi d’Europa. La fermata del treno è proprio nelle vicinanze della funivia, grazie alla quale è possibile raggiungere alcune delle piste più belle della zona. In più, ad appena 20 minuti da Tirano, si trova Bormio, altra importante stazione sciistica che vanta più di 80 km di piste con la possibilità di discese notturne sulle piste di Stelvio e di Genziana.

Bernina Express: qualche consiglio per l’alloggio

Se avete deciso di regalarvi un viaggio a bordo del Bernina, allora vi saranno utili qualche consiglio su dove alloggiare.
A Tirano uno dei posti migliori è certamente Palazzo Lambertenghi, una magnifica dimora storica del 15esimo secolo, solo di recente trasformata dai proprietari in un b&b davvero esclusivo. Le camere disponibili sono 4, tutte arredate con mobili ed oggetti di antiquariato, mentre la colazione viene servita in una tipica cucina valtellinese. Il b&b è aperto solo nei fine settimana, mentre durante la settimana si accettano solo gruppi di 6 persone (via Aligari, tel. 0342 710262, cell. 388 7952575 www.palazzolambertenghi.eu. Prezzi: in inverno, doppia 120-140 €).
Altri due luoghi suggestivi dove alloggiare sono Palazzo Juvalta (tel. 0342.780090, www.palazzojuvalta.it, tel. 0342.780090, doppia 120-150 €), a Teglio, 15 km da Tirano) e la Locanda dell’Angelo, ospitata in un magnifico palazzo settecentesco.