Partire con il cane: meglio assicurarlo

Cresce il mercato delle assicurazioni per gli animali domestici. Secondo gli ultimi dati del Rapporto Eurispes, nel 2017 si registra, rispetto all’anno precedente, un calo del 10% nel numero di famiglie con almeno un animale domestico ma ben il 33% della popolazione ne ha uno. E’ a questa fetta di italiani che si rivolgono i servizi delle compagnie assicurative che offrono una polizza cane o gatto ad hoc, come nel caso di UnipolSai.

Gli italiani che amano gli animali

I dati raccolti e diffusi a inizio anno da Eurispes evidenziano che ben il 33 per cento degli italiani ha scelto di condividere la propria casa e la propria vita con un animale domestico. il dato riflette una flessione, anche sensibile, rispetto ai dati di inizio 2016: -10 per cento. L’animale preferito dagli italiani resta il cane, è scelto dal 66 per cento della popolazione, seguito dal gatto, ospitato nelle case del 40,8 per cento della fetta di italiani che vivono con un animale domestico. Il 34,4 per cento delle persone che hanno scelto di vivere con un animale lo hanno acquistato in un negozio, solo il 22,1 per cento lo ha preso in un canile o gattile, il 30,4 per cento lo ha salvato dalla strada, adottando un animale abbandonato, e il 31,3 per cento lo ha ricevuto in regalo. Cresce del 6,4 per cento la spesa mensile per la cura del proprio animale ma quasi l’80 per cento degli italiani ammette di non spendere più di 50 euro al mese. La crisi economica ha pesato anche sulle cure che gli italiani sono sempre estati disposti a offrire ai propri amici a quattro zampe. Il 17,3 per cento degli italiani, infatti, ha detto di aver rinunciato a interventi delicati e cure costose a causa delle ristrettezze economiche, il 15,4 per cento ha dovuto ridurre la spesa per i medicinali. Il 39 per cento ha optato per l’acquisto di cibo meno costoso e il 25 per cento ha rinunciato alle visite veterinarie. Una fetta molto ampia, il 45 per cento, a causa del fattore economico ha rinunciato a prendere un secondo animale.

Gli amici a quattro zampe in vacanza

Con l’avvicinarsi del Natale e delle vacanze molti italiani si preparano per trascorrere fuori casa le festività, anche in compagni dei loro amici a quattro zampe. Sono sempre più numerose le strutture che ospitano animali di piccola taglia e in estate ben 5 milioni di famiglie sono partite con Fido e il loro gatto. A questo pubblico sempre più ampio si rivolgono i nuovi servii di molte compagnie assicurative. Esiste, infatti, un vero e proprio mercato della responsabilità civile per animali, dal valore potenziale che supera i 532 milioni di euro.

Tutti i servizi per gli amici a quattro zampe

Le assicurazioni offrono tipologie di servizi molto diverse che vedono protagonisti cani e gatti. La prima, come evidenziato in una recente rilevazione effettuata da Facile.it, è quella che assicura i nostri amici da eventuali danni successivi a un sinistro automobilistico. La RC auto, infatti, non copre né il guidatore né eventuali animali presenti in auto al momento dell’incidente. Al costo medio di 15 euro è possibile coprire questo gap. I massimali sono pari a 250 euro in caso di ferimento e 600 per eventuale morte dell’animale. Grazie al pacchetto “assistenza in viaggio”, invece, è possibile andare in vacanza con l proprio animale molto serenamente. Al costo di circa 110 euro si può contare sull’assistenza di una centrale operativa pronta a trovare per noi strutture pet friendly e offrire tutta l’assistenza necessaria. Con una spesa di 25 euro al mese, invece, l’assistenza è costante e copre tutti i danni che il cane o il gatto possono subire nel corso della vacanza. In questo caso, con spese entro i 120 euro, saranno rimborsate tutte le spese sostenute per le cure. I servizi offerti dalle compagnie assicurative sono molto simili e offrono coperture importanti. Informarsi per tempo è fondamentale per scoprire i servizi su misura per le proprie emergenze. L’assicurazione contro lo smarrimento prevede un costo annuo di 100 euro.

La Cittadina Blu di Chefchaouen

Tratto da The Golden Scope

Chefchaouen, anche chiamata Chaouen, è una cittadina molto affascinante situata nelle regioni settentrionali del Marocco.

Cittadina Blu  Chefchaouen   Ho espressamente scritto affascinante perchè questo piccolo centro è completamente rivestito di vernice blu: i tetti, le mura e le strade sono tutte colorate in blu! Se vista da lontano, l’intera cittadina si presenta come un grande lago. Fondata nel 1417, Chefchaouen sorge sulle montagne del Rif, non molto lontano da Tangeri.   blue-streets-of-chefchaouen-morocco-15   E’ stata fondata come fortezza per combattere i portoghesi quando invasero il Marocco nel XV secolo. Dopo i portoghesi, Chefchaouen è stata presa dagli spagnoli, e ancora fino ad oggi, a parte il francese, lo spagnolo è la prima lingua straniera parlata all’interno delle sue pareti blu. Questa cittadina assolutamente meravigliosa è un vero gioiello del patrimonio culturale marocchino, e grazie allasua bellissima e colorata architettura si può dire che sia unica nel suo genere. Infatti, se avrete occasione di visitarla, sarete in grado di vedere e sperimentare cose e luoghi che non vedrete in nessun’altra parte del mondo. Per arrivare a Chefchaouen si può arrivare in volo a Rabat, Tangeri, Casablanca e Fes, e da lì prendere un autobus per la città blu. Se si preferisce essere più flessibili e non essere vincolati agli orari degli autobus, allora si può utilizzare il servizio taxi.

COSA VEDERE

Cittadina Blu di Chefchaouen 3

Ovviamente un tour della città, perdendosi piacevolmente fra le strade blu; vi consiglio anche di andare nella Medina dove potrete gustare un favoloso tè alla menta in uno dei tradizionali caffè marocchini di quella zona. Quando ne avrete avuto abbastanza della città, potrete dirigervi a piedi verso la parte orientale del Medinauntil e raggiunge una cascata, Ras el Maa . Proprio dietro la cascata ci sono anche alcune belle rovine di una vecchia moschea . Dalla torre della moschea sarete in grado di vedere l’intera città.   Cittadina Blu di Chefchaouen 1   Per una serata romantica, vi consiglio di andare su per la collina fino all’Hotel Atlas, e poi lasciarvi andare alla bellezza e la tranquillità di un caldo tramonto marocchino.

DOVE DORMIRE

Cittadina Blu di Chefchaouen-2

Per ulteriori informazioni vi rimandiamo al portale: http://thegoldenscopeit.com/2014/06/23/la-cittadina-blu-di-chefchaouen/ 

Marrakech: un tour tra le bellezze di Marrakech

Marrakech: una città tutta da visitare

Marrakech è una delle città più affascinanti e suggestive del Marocco, un luogo che riuscirete ad apprezzare realmente soltanto se la visiterete a fondo, passeggiando per i suoi intricati suk o lungo la sua piazza principale, senza dimenticare di gustarne i sapori e gli odori tipici.
Tra le più celebri città imperiali del Marocco, Marrakech mette a disposizione dei viaggiatori tantissimi tour diversi che vi permetteranno di scoprire il ricchissimo patrimonio naturale ed artistico di questa località ma anche dei suoi altrettanto suggestivi dintorni.
Ma come visitare Marrakech?

Marrakech: un tour in città e nei dintorniMarocco-Merzouga

Vi proponiamo, quindi, un piccolo tour con alcune delle tappe fondamentali da non perdersi non solo a Marrakech ma anche nei tanti paesi, altrettanto affascinanti, che la circondano.
Prima tappa del vostro tour è chiaramente Marrakech dove le tappe imperdibili vanno dalla Moschea al Minareto della Koutobia, passando per le tombe della dinastia Saudita presso Palazzo El Badi e per la raffinatissima Medersa Ben Youssef. Da non perdersi il grande spettacolo pieno di folklore che si può godere nella famosa piazza Jema El Fnaa, dove di giorno potrete divertirvi a curiosare tra le bancarelle piene di stoffe, ninnoli e uova di struzzo, mentre di sera potrete prendere parte agli spettacoli dei suonatori e incantatori di serpenti .
Da Marrakech potete poi intraprendere un tour verso l’Alto Atlante, per andare alla scoperta delle montagne e dei villaggi; da vedere è il villaggio di Taddert da dove potete virare verso il valico del Tichka attraverso uno dei passaggi più suggestivi di tutto il Marocco. Deviando leggermente dal vostro percorso potrete visitare lo ksour di Ait Ben Hoddou, oggi ritenuto uno dei meglio conservati villaggi berberi e per questo nominato Patrimonio mondiale dell’Umanità, per poi lanciarvi alla scoperta di Quarzazate, vero e proprio punto di accesso al sud del Marocco nonché punto di incontro tra le valli del Draa e Dades. Di qui la vostra visita può proseguire alla kasbah Taourirt e nella valle del Dades, detta anche valle delle 1000 kasbe, per poi arrivare presso Boumalne.
Da non perdere anche Tinerhir, città berbera tra le più belle oasi di montagna, costituita da costruzioni in roccia modellate nei secoli, e Erfoud, grande cittadina ai piedi del Jbel omonimo. Per completare il vostro tour tra Marrakech e dintorni vi consigliamo di fare sosta anche a Merzouga, villaggio famoso per le dune dorate dell’Erg Chebbi, a Rissani, un importante centro religioso, e a Zagora, detta anche la porta del deserto. Con una piccola deviazione potrete visitare anche il ksour di Tamnougalt e Ouarzazate da dove potrete godere un panorama assolutamente mozzafiato per poi ritornare a Marrakech.

Marrakech: idea week-end low cost

Marrakech: fine-settimana low cost

Se state sognando da tempo di visitare una delle città più belle del Marocco, Marrakech, ma gli impegni di lavoro e il budget ve l’hanno sempre impedito, bene è arrivato il momento di realizzare il vostro sogno?
Come? Semplice organizzando un bel week-end, ovviamente low cost!!
Certo visitare Marrakech per 2-3 giorni non è la stessa cosa che trascorrerci magari un’intera settimana, visto che non avrete il tempo necessario per visitare tutti i luoghi e le viuzze della Città Vecchia.
Ma non disperate perché anche un fine-settimana può essere sufficiente per vedere alcune delle bellezze più rinomate della città marocchina che da sempre vive come sospesa a metà tra la realtà e il sogno, tra il passato e il presente.
Marrakech non è la città dei monumenti imponenti, ma le moschee, i palazzi ed i musei sono già sufficienti a lasciare a bocca aperta anche il visitatore più esperto e navigato, che partendo dalla Medina, ovvero la “cittadella”, potrà lanciarsi alla scoperta della città avendo sempre come punti di riferimento il simbolo verticale del minareto della Koutoubia e l’adiacente Piazza Djemaa el-Fna.
Ma come organizzare un week-end economico a Marrakech?

Marrakech: consigli per un soggiorno low cost

Partiamo dall’alloggio, precisando subito che a Marrakech avrete a disposizione infinite possibilità, sebbene la maggior parte dei turisti decide di alloggiare in raid, ovvero una casa con giardino con tanto di cortile con alberi di agrumi e fontana al centro. In linea di massima si tratta di sistemazioni abbastanza convenienti, ma se non siete in grado di rinunciare all’albergo a Marrakech ne troverete di ottimi, anche se a prezzi lievemente superiori.
Per quanto riguarda il volo la compagnia aerea più economica per raggiungere Marrakech dall’Italia è EasyJet (http://www.easyjet.com/) che propone voli da Milano Maplensa a Marrakech tutti i giorni a partire da 19,99 euro a tratta tasse incluse. Se desiderate poi visitare Casablanca le partenze sono sempre da Milano Malpensa 4 giorni alla settimana((lun-mer-ven-dom), a partire da € 28,99 a tratta, tasse incluse.
Oltre alla convenienza EasyJet non pone limiti sul peso dei bagagli e si distingue per la sua sicurezza essendo stata premiata come Best Low Cost Airline in Europa.

Essaouira: cosa vedere a Essaouira

Essaouira: città magica del Marocco

Essaouira, in arabo al-Ṣawīra, è una magnifica città della costa atlantica del Marocco, situata precisamente alla foce dell’uadi Ksob e a brevissima distanza da alcuni dei luoghi e delle spiagge più belle ed incantevoli di tutto il paese. Fondata dai Cartaginesi su un’antica postazione berbera, la città ha subito nel corso dei secoli una serie di dominazioni diverse che hanno lasciato una forte impronta nella cultura e nelle tradizioni della città. Dopo i Cartaginesi, i Romani ed i Fenici, la città divenne dominio prima portoghese, inglese e francese; furono proprio questi ultimi a ribattezzarla Mogador. Il dominio arabo si riaffermò nel 1765 con il sultano Sidi Mohammed Ben Abdellah che affidò all’architetto francese Théodore Cornut il compito di riprogettare l’assetto urbano della città. Il progetto che gli venne presentato e il risultato finale ottenuto piacque talmente tanto al sultano che questi decise di ribattezzare la città con il nome di Es-Saouira, vale a dire “la ben disegnata”, dal quale deriva il toponimo attuale.
Il nuovo assetto urbanistico portò fortuna ad Essaouira che in breve divenne un importante porto commerciale, almeno sino all’avvento, come grandi metropoli e punti di scalo, di Casablanca, Tangeri e Agadir.
Se perse la sua centralità economica e commerciale, la città riuscì però a conservare intatto il suo fascino e soprattutto la sua capacità di attrarre artisti del calibro di Orson Welles, Jimi Hendrix e Bon Marley. Non a caso si dice che Essaouira sia stata una delle città più amate e frequentate soprattutto dagli hippie negli anni Sessanta, oltre che importante centro di raccolta di talenti “stravaganti” in cerca di un luogo di evasione.

Essaouira: cosa vedere a Essaouira

Nel corso degli anni Essaouira è riuscita a conservare il proprio fascino e la propria indiscussa capacità di attrazione nei confronti di tutti coloro che sono alla ricerca di un luogo speciale, dalle atmosfere magiche e certamente fuori dai soliti schemi.
Le bellezze artistiche e monumentali offerte dalla città sono davvero tantissime, grazie alle tante costruzioni lasciate dai popoli che l’hanno dominata e soprattutto all’importante opera di ristrutturazione urbana intrapresa nel 1765.
Il cuore della città è certamente la Medina, nominata nel 2011 patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. La Medina è il vero e proprio centro storico della città, diviso a sua volta in tre sezioni:
La kasbah: ovvero la cittadella fortificata a difesa del porto, le cui mura merlettate e i cannoni rivolti verso il mare sono di epoca spagnola, Particolarmente interessante è il Museo Sidi Muhammad ben ʿAbd Allah, presso il quale è possibile ammirare numerosi oggetti dedicati alle tradizioni artigianali del luogo
Mellah: Era l’antico quartiere ebraico, costruito intorno al XX secolo proprio dagli ebrei che a quel tempo rappresentavano la maggior parte della popolazione di Essaouira. Nelle zone del lungomare è facile imbattersi in botteghe tradizionali, hammam e ristoranti dove è possibile assaggiare l’ottima cucina locale
 Si tratta della parte più residenziale della città, dove predomina i colori che sono tipici di questo luogo: il color ocra, il bianco e il blu, proprio quei colori che convinsero Orson Welles a girare qui nel 1952 il suo Othello

Da non sottovalutare assolutamente la bellezza delle spiagge e delle tante località balneari e l’ottimo clima che caratterizza la città, per tutto l’anno caratterizzata dalla presenza di venti atlantici che la rendono meta ideale anche per gli appassionati di surf e windsurf.

Marrakech: offerte low cost per Natale

Marrakech: shopping natalizio low cost

Se per voi Natale fa rima con shopping e siete alla ricerca di una meta che sappia congiungere la magica atmosfera natalizia con lo shopping all’insegna della convenienza, bene quest’anno è all’Oriente che dovete puntare.
Dimenticate, infatti, le grandi metropoli come Parigi o New York e guardate al Marocco in particolare a Marrakech, candidata a città dello shopping 2011.

Marrakech: le proposte-shopping

Le colorate babouches di Marrakech

Pet tutto il mese di dicembre Dar Darma, un noto e prestigioso riad situate proprio nel cuore di Marrakech, ha deciso di mettere a disposizione di tutti I suoi ospiti un servizio di personal shopper che avrà il compito di guidare tutti i turisti alla scoperta dei luoghi più cool della città.
E’ risaputo, infatti, che Marrakech oltre ad essere una città affascinante dal punto di vista artistico ed architettonico è anche rinomata per le sue numerose botteghe artigiane, dove potrete acquistare meravigliosi oggetti fatti a mano e manufatti dell’artigianato locale. A Marrakech avrete modo di visitare mercatini coloratissimi e conoscere tradizioni che sono molto lontane dalle nostre ma non per questo meno affascinanti e coinvolgenti. Il personal shopper che vi sarà assegnato avrà infatti il compito di condurvi tra le bancarelle, di aiutarvi nella conclusione di un buon affare e di cogliere l’offerta più vantaggiosa, girando per gli affollati souk dell’antica Medina o nella città nuova alla ricerca di regali originali.
Ma cosa portare da Marrakech e mettere poi sotto l’albero di casa?
Vanno per la maggiore certamente i prodotti della tradizione locale come lampade, babouches, tessuti preziosi, prodotti per la cura della bellezza a base di olio di argan, i colorati oggetti in terracotta o i tradizionali servizi da thè.
Da non perdere anche i tanti showroom della zona industriale della città dove potrete scoprire originali e fantasiosi oggetti di design, come lampade, tappeti, poltrone e arredi per il giardino.
Se a fine giornata siete stanchi di tutto questo girare, niente paura potrete riprendervi sorseggiando un thè alla menta sulle terrazze di Dar Darma, godendo anche di una magnifica vista sulla Moschea Kotoubia e sulla catena dell’Atlante.

Piatti marocchini

Marrakech: i pacchetti low cost

Vediamo quindi le proposte viaggio low cost più interessanti per Marrakech:
• Dar Darma: Soggiorno di minimo di tre notti, suite Patio, suite Orange e suite degli Specchi, camera doppia e salotto da:

  • Dal 1° novembre al 23 dicembre a 182 euro
  • Dal 9 gennaio al 5 febbraio da 161 euro
  • Dal 6 al 29 febbraio a 182 euro

• Suite Blu: Camera doppia, piscina, fitness, hammam, spa, scontata al 30%

  • Dal 1° novembre al 23 dicembre a 224 euro
  • Dal 9 gennaio al 5 febbraio a 196 euro
  • Dal 6 gennaio al 29 febbraio a 224 euro

• Appartamenti Blu e Rosso: Due camere doppie e salone

  • Dal 1° novembre al 23 dicembre a 315 euro
  • Dal 9 gennaio al 5 febbraio a 252 euro
  • Dal 6 al 29 febbraio a 315 euro

Tutte le quote sono comprensive di prima colazione, assistenza del personale e accesso all’Hammam interno.
Per informazioni Dar Darma, Marrakech tel. +39 02.669927.204
info@dardarma.com – reservation@dardarma.com www.dardarma.com