SHARE

Effettuare un tour in Andalusia può davvero portare il viaggiatore a scoprire tante cose soprattutto ad immergersi tra storia e attualità e a tal proposito va precisato che quando si viaggia non è importante soltanto vedere ma anche cercare di capire.

Sarà capitato a chiunque di sentir parlare di Al-Andalus ma di non sapere che questo rappresenta il nome che i musulmani hanno dato ad una parte della penisola iberica e della Settimania al sud della Gallia da essi controllata e allo stesso tempo anche governata e infatti può essere considerata la provincia più occidentale dell’impero musulmano per otto lunghi secoli fino a quando vi fu la re-conquista cristiana che andò a cambiare tutto e proprio a proposito di ciò i musulmani affermano che il rimpianto per Andalus resta ancora oggi ‘ bruciante’ ma non tanto per la sconfitta quanto per quella che viene identificata come un’occasione mancata sottolineando che ai tempi in cui appunto era sotto il controllo musulmano rappresentava una terra molto ricca anche come cultura e tolleranza.

Continuano poi i musulmani affermando “Scesa da quel vertice, però, la civiltà islamica si è avvitata su se stessa” e così grazie alla convivenza i dominanti musulmani si sono trovati ad avere come capi di gabinetto ebrei mentre come ministro degli esteri proprio dei cardinali cattolici.

Parlando ancora di Al-Andalus è possibile affermare che, stando a quanto emerso da alcune indiscrezioni e precisamente secondo alcuni cenni storici, sembra proprio che gli ebrei iberici e i sefarditi che furono cacciati dai nuovi padroni cristiani trovarono rifugio proprio nel Mediterraneo musulmano, una fuga questa che avvenne in fretta e furia tanto che si dice che proprio a Tangeri, città del Marocco settentrionale e a Marrakesh, città del Marocco situata al centro-sud del Paese, vi siano appese sugli stipiti le chiavi delle case di Siviglia che i musulmani si sono trovati costretti a lasciare in estrema velocità.

Facendo riferimento alla Spagna che fu araba e alle meraviglie del posto non può non essere citata la meravigliosa città di Granada dove si trova l’Alhambra ovvero quello che viene definito il palazzo-monumento più visitato della Spagna dove sono mischiati magia e arte.

E poi ancora meraviglioso è anche il Comune spagnolo Cordoba dov’è possibile notare la presenza sui muri delle iniziali YFK che corrispondono ai nomi Isabella, Ferdinando e Carlo V e che rappresentano quella che era la grande ossessione di ricristianizzare Al Andalus.

Insomma, realizzare un tour in Andalusia rappresenta una vera e propria occasione per conoscere oltre che le meraviglie del presente anche per immergersi nel passato e quindi conoscere la storia del posto, questo aiutandosi con siti specializzati come ViviAndalucia.com potrebbe essere molto interessante.

Nessun Commento

Lascia un commento